Attualità

Animali, 16 rinoceronti neri a rischio estinzione trovano una nuova casa

Condividi

Un branco di 16 rinoceronti neri, una delle specie più a rischio estinzione, è stato “spostato” di oltre 700 chilometri, da una zona ricca di bracconieri in Sudafrica fino a una zona sicura in eSwatini (l’ex Swaziland), come dichiarato dal Ministero della Fauna Selvatica della nazione africana.

Il branco di rinoceronti comprende maschi adulti da riproduzione, femmine, giovani e piccoli.Vengono tutti da una riserva privata in Sud Africa, dove il costo per proteggerli dai cacciatori era diventato insostenibile, come spiegato dai ranger della zona.

 

Una volta privati del loro corno sono stati trasportati in eSwatini nei primi giorni di luglio.

“Abbiamo dovuto affrontare tutta una serie di difficoltà…specialmente dal punto di vista burocratico,per i permessi di immigrazione e emigrazione”, spiega Ted Reilly, direttore esecutivo di Big Game Parks, l’autorità nazionale sulla fauna selvatica dell’ eSwatini.

Allarme Elefanti, a rischio estinzione. Solo 400.000 esemplari in Africa

“Abbiamo prima catturato i 16 rinoceronti in Sud Africa,trasportati per 700 chilometri attraversando i confini nazionali, abbiamo rimosso i loro corni e poi li abbiamo rilasciati in un habitat sicuro.A questo punto è iniziata la fase di monitoraggio degli animali,” spiega Reilly.

In tutto il mondo sono rimasti solo 5000 rinoceronti neri,20000 comprese tutte le specie;quasi l’80% vive in Sud Africa, ma in questo paese dal 2008 oltre 8000 animali sono stati uccisi da cacciatori e bracconieri.

Biodiversità, in 50 anni l’uomo ha distrutto l’83% delle specie

Stretta tra Sud Africa e Mozambico, l’eSwatini è ritenuta molto più sicura per i rinoceronti neri.Negli ultimi 26 anni solo 3 capi sono stati uccisi dai bracconieri.

Morto ultimo maschio rinoceronte di Sumatra in Malesia. Rischio estinzione

Nonostante questo, le attività di monitoraggio continuano costantemente, come spiegano i ranger del Big Game Parks. I rinoceronti vengono osservati continuamente sia per assicurare agli animali protezione dai bracconieri, sia per verificare che i 16 rinoceronti neri si stiano adattando al nuovo habitat.

(Visited 166 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago