AnimaliAttualità

Animali, un delfino trovato alla deriva nei pressi dell’isola di Budelli. Le immagini

Condividi

Ancora un rinvenimento di delfino spiaggiato, ormai privo di vita. E’ stato trovato nei pressi dell’isola di Budelli. Il cetaceo appartiene alla specie stenella striata classificata come vulnerabile nella Lista Rossa delle specie in pericolo.

Un cittadino ha prontamente informato il Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena dopo aver avvistato un esemplare maschio di stenella striata di circa 2 metri. Il delfino presentava sull’epidermide numerose pennelle (crostacei copepodi parassiti). La stenella striata è la specie di cetaceo più comune nel Mar Mediterraneo, ed è classificata come vulnerabile nella Lista Rossa delle specie in pericolo dell’ IUCN Red List of Threatened Species.
Si tratta del nono intervento del 2021 relativo a spiaggiamenti di cetacei e tartarughe marine condotto dal Parco di La Maddalena in collaborazione con SEA ME Sardinia al quale l’Ente verde ha dato l’incarico di intervenire in caso di spiaggiamento di cetacei e tartarughe marine nell’ambito della Rete regionale per la conservazione della fauna marina, istituita dal Servizio Tutela della Natura dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Sardegna. A supportare l’operazione il Club Nautico La Maddalena.

Moria di pesci nel Fiume Sacco, colpa del caldo o dell’inquinamento?

In caso di spiaggiamento e/o di avvistamento di tartarughe marine, delfini o altri cetacei in difficoltà, non avvicinarti troppo all’animale, evita di toccarlo e chiama subito la Capitaneria di Porto () il CVFA () o questi numeri del gruppo di intervento di SEA ME Sardinia: + o +.

(Visited 29 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago