AnimaliAttualità

Angelina Jolie ricoperta di api contro il rischio di estinzione: “Dobbiamo farci avanti e proteggerle”

Condividi

Angelina Jolie testimonial d’eccezione per la sensibilizzazione sul rischio estinzione delle api. Oltre a prestare la sua immagine, l’attrice lancia un appello al mondo.

Angelina Jolie ricoperta di api per sensibilizzare il mondo sul rischio di estinzione. La popolare attrice, anche in qualità di testimonial dell’Onu (prima con l’Unhcr e ora con l’Unesco), ha deciso di prestare la propria immagine per alcuni scatti di Dan Winters, fotografo del National Geographic. “Ciò che trovo entusiasmante è che invece di dire che stiamo perdendo le api, ci facciamo avanti indicando i modi giusti per proteggerle”, il monito di Angelina Jolie.

FRoSTA e Legambiente donano 50 arnie a RomaNatura per la Giornata delle Api 2021

Angelina Jolie, al National Geographic, ha spiegato di voler partecipare ad una iniziativa dell’Unesco per corsi di formazione nell’ambito dell’apicoltura. “L’impollinazione è vitale per la nostra stessa esistenza. Sembrano temi molto lontani tra loro ma il ruolo delle api e il rispetto dell’ambiente sono tutti connessi al sostentamento delle donne e alle evacuazioni per i cambiamenti climatici”, le parole dell’attrice.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da National Geographic (@natgeo)

(Visited 96 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago