Documentari Animali

Anaconda verde, il serpente che può crescere fino a 230 chili

Condividi

Anaconda verde. Tra i serpenti più grandi del mondo. Appartenente alla famiglia dei boidi ed è il più lungo delle quattro specie esistenti di anaconda. Può crescere fino a pesare quasi 230 chili. 

Il colore prevalente sul dorso e sui fianchi è un insieme di tonalità di verde scuro o bruno-giallastro con l’alternanza di macchie scure ovali, la parte bassa dei fianchi è invece maculata di giallo bordato nero che via via sfuma verso il ventre completamente giallo-ocra.

Il corpo è relativamente tarchiato ed estremamente muscoloso.

Il serpente è interamente ricoperto di squame, tranne nella zona della cloaca.

Caratteristica peculiare delle anaconde e di tutti gli altri grandi serpenti costrittori è la presenza, nello scheletro del bacino, cui sono anatomicamente collegati, di speroni, ossia minuscoli arti posteriori vestigiali visibili anche esternamente.

L’anaconda è un serpente costrittore non velenoso, che avvolge le prede catturate con il proprio corpo muscoloso stritolandole fino all’asfissia.

Le mandibole, tenute insieme da legamenti elastici, gli permettono di inghiottire la preda intera, senza curarsi della taglia, e dopo un grosso pasto può restare settimane o mesi senza cibo.

L’anaconda femmina conserva le uova al proprio interno, dando alla luce venti o trenta piccoli vivi.

(Visited 638 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago