AttualitàGood NewsScienza e Tecnologia

Amsterdam, inaugurato il primo ponte d’acciaio costruito con la stampa 3D

Condividi

Amsterdam, inaugurato il primo ponte d’acciaio realizzato con la tecnica della stampa 3D. Lungo 12 metri e pesante 4,5 tonnellate, il ponte hi-tech è stato installato nella zona del quartiere a luci rosse.

Un ponte d’acciaio inossidabile decisamente hi-tech, quello appena inaugurato ad Amsterdam, nei pressi del quartiere a luci rosse. Realizzato con la tecnica della stampa 3D dall’azienda MX3D, il ponte è stato installato sul canale Oudezijds Achterburgwal: è lungo 12 metri, pesa 4,5 tonnellate ed è anche dotato di sensori in grado di monitorarne costantemente la tenuta. Lo riporta anche il New Scientist.

 

Per realizzarlo ci sono voluti sei mesi e gran parte del lavoro è stato realizzato grazie all’impiego di robot. Anche il taglio del nastro, nonostante la presenza della regina Maxima, è stato effettuato da un robot e i sensori della Lenovo, che rileveranno le vibrazioni e la tenuta, invieranno dati che saranno poi elaborati dall’Imperial College di Londra. Il progetto, partito nel 2015, si è quindi chiuso con un’inaugurazione che ha scatenato il favore e la curiosità dei cittadini di Amsterdam.

Amsterdam, la Bubble Barrier che blocca i rifiuti nei canali e impedisce che finiscano in mare

Subito dopo l’inaugurazione, tanti curiosi, a piedi come in bici, hanno iniziato infatti a percorrere il ponte, dal design unico e dalla tecnologia più avanzata. Non c’è infatti solo il metodo della stampa 3D a caratterizzarlo, ma anche e soprattutto quello della sensoristica e del machine learning: il costante monitoraggio delle condizioni del ponte permetterà infatti di garantire un intervento immediato nel caso in cui siano necessarie opere di manutenzione. Un primo passo avanti, quindi, per un’edilizia civile sempre più efficiente e innovativa.

(Visited 301 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago