La band torinese Eugenio in Via di Gioia pubblica il suo quarto album che guarda all’ambientalismo e alla necessità di combattere un mondo iper-produttivo

La ricordate la scritta “Ti Amo ancora” comparsa a marzo scorso in Piazza San Carlo a Torino? Che fosse organizzata dalla band Eugenio in Via di Gioia si sapeva. Come si sapeva che rappresentava una dichiarazione d’amore per il Pianeta.

Quella stessa scritta oggi la ritroviamo nel videoclip di Terra, il primo singolo tratto da “Amore e Rivoluzione”, il nuovo album della band torinese.

La scritta – che nel frattempo si è aggiudicata il Guinness world record per la più grande scritta d’amore fatta con i gessetti – compare nella sua grandiosità soltanto alla fine del video di Terra. Ma ogni scena della clip e ogni parola del testo rende chiaro l’amore che i quattro artisti vogliono esprimere per l’ambiente.

Amore e Rivoluzione, un album (anche) ambientalista

“Che cosa è successo tra noi? /L’aria è irrespirabile ormai / Piangi tanto, dicono è colpa mia / Stiamo bruciando e non è gelosia”. Comincia così il testo di Terra, il brano ambientalista degli Eugenio in Via di Gioia.

Il maestro Vittorio Cosma, che ha curato la produzione artistica dell’album, ha spiegato che “Gli Eugenio in Via Di Gioia oltre ad essere degli artisti di grande talento sono delle persone capaci di schierarsi, di prendere posizione e di parlare di temi come l’ambiente o le diseguaglianze in maniera diretta e mai banale. Anche per questo motivo il disco ha avuto una lavorazione lunga ed approfondita, proprio per riuscire a creare un’opera di senso e non un mero prodotto”.

Non solo ambientalismo ed ecologia trovano spazio nel nuovo album degli Eugenio. “L’essere umano è al centro, ma la terra va avanti anche senza di lui. Lui invece non può fare a meno di lei. Ma di questo purtroppo non se ne è reso conto”, ha detto il frontman Eugenio Cesaro durante la presentazione dell’album.

“Solo attraverso l’impegno razionale si può ottenere un risultato –  ha aggiunto Cesaro – ma attraverso i sentimenti facciamo emergere la parte più atavica di noi, su cui abbiamo meno il controllo. Una parte irrazionale che deve essere il moto che porta al cambiamento”.

L’attività ambientalista degli Eugenio in Via di Gioia non è nuova. Lo dimostra la presenza, durante la presentazione del nuovo album, dei membri di “Campagna Amica”, la Fondazione di Coldiretti che da tempo collabora con gli “Eugenio” per condivide temi come quello della sostenibilità, della biodiversità e del rispetto dell’ambiente.

Articolo precedenteRoma, riapre Technotown l’hub scientifico dedicato ai più giovani
Articolo successivoElezioni in Australia, il cambiamento climatico sarà l’ago della bilancia