sostenibilità America albergo emissioni negative

A Denver, in Colorado, sorge il primo hotel a emissioni negative, la cui particolare struttura ricorda gli alberi di pioppo tipici della zona.

Prendendo ispirazione dal pioppo tremulo che lo stato del Colorado ama così tanto: un hotel di Denver sta cercando di diventare il primo nel suo genere in America che rimuove più carbonio di quello che utilizza.

Con cementifici, fonderie e macchinari pesanti che sono la nascita di tutti i grandi edifici, il Populus Hotel non ha risparmiato alcuna parte delle sue operazioni dalla valutazione delle emissioni non necessarie.

 


L’edificio è stato progettato dallo Studio Gang di Chicago ed è quasi terminato. In hotel non c’è parcheggio, eliminando la necessità di scavare e costruire un lotto sotterraneo di cemento.

Invece, Populus sta incoraggiando gli ospiti a prendere un autobus o un treno per uno snodo dei trasporti cittadini proprio dall’altra parte della strada per arrivare.

 


La facciata e lo scheletro in cemento a basso tenore di carbonio dell’hotel sono ispirati alla corteccia del pioppo tremulo ed è realizzato con un materiale super isolante che ridurrà notevolmente il consumo energetico.

Le finestre incassate funzionano allo stesso modo, rimuovendo la quantità di sole che entra direttamente in una stanza.

Il tetto è rivestito di pannelli solari e per ogni tonnellata di CO2 prodotta dal consumo di energia, l’hotel acquisterà “compensazioni di carbonio”: alberi piantati da qualche parte da terzi che assorbiranno CO2 per tutta la loro vita.

 


“Internamente, diciamo spesso che se possiamo mostrare alle persone come fare soldi facendo la cosa giusta per cambiare il mondo, le persone ci seguiranno”, ha detto Jon Buerge, chief development officer di Urban Villages, lo sviluppatore incentrato sulla sostenibilità dietro il progetto Fast Company.

“E quindi i nostri progetti sono molto redditizi. Dobbiamo assicurarci che le decisioni che stiamo prendendo siano buone per il pianeta e per il business“.

L’apertura è prevista per il prossimo anno, l’hotel avrà 265 camere e includerà un giardino terrazzato sul tetto e una zona pranzo con vista sull’edificio del Campidoglio e sulle Montagne Rocciose.

Articolo precedenteA Pinzolo (Trento) c’è una “piscina” di letame tra gli alberi
Articolo successivoFotovoltaico obbligatorio sui nuovi edifici, ecco le nuove regole Ue sulle rinnovabili