AttualitàCultura

Ambiente, l’allarme dell’Unesco: “Tema trascurato nei programmi scolastici”

Condividi

Ambiente, l’allarme dell’Unesco: “Un tema troppo trascurato nei programmi scolastici”. Lo sottolinea un’indagine basata sulla scuola in tutto il mondo.

La scuola non educa al rispetto dell’ambiente. Un problema comune alla maggior parte dei paesi del mondo e rilevato da un’indagine dell’Unesco, che oggi a Berlino tiene sul tema una conferenza online che si concluderà mercoledì prossimo. Nel report pubblicato dall’ente didattico e culturale dell’Onu, viene evidenziato che in oltre 50 paesi i programmi scolastici non fanno alcun riferimento al cambiamento climatico e solo il 19% menziona temi come la biodiversità. Un problema che sta a monte, se si considera che le tematiche ambientali non rientrano neanche nei corsi formativi per gli insegnanti.

Ecogiustizia subito! Il flash mob di Legambiente: “Chi ha sversato quei dischetti in mare deve pagare”

Per questo motivo, l’Unesco ha posto un nuovo obiettivo: inserire l’educazione ambientale nella didattica di tutto il mondo entro il 2025. Per realizzarlo, occorre coinvolgere tutti gli Stati per una riforma dei programmi scolastici, con l’inserimento di corsi e lezioni di tutela ambientale. Solo così sarà possibile educare le nuove generazioni e aumentare la consapevolezza della necessità di proteggere il futuro della Terra. Nella conferenza di Berlino, l’Unesco spiegherà che occorre inserire nei programmi scolastici temi come lo sviluppo durevole, la crisi climatica, la perdita della biodiversità e anche l’educazione civica.

(Visited 51 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago