AttualitàPolitica

Ambiente tra i principi fondamentali della Costituzione. Costa: “Per lasciare qualcosa di importante e duraturo ai nostri figli”

Condividi

Il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha annunciato tramite il sito ministeriale l’arrivo in Senato del ddl per l’inserimento in Costituzione della tutela ambientale: “Oggi più che mai l’ambiente è al centro della politica nazionale e internazionale”.

“Sono davvero felice che sia stato incardinato oggi al Senato, in commissione Affari costituzionali, il disegno di legge che inserirà la tutela dell’ambiente nella Costituzione. Sono certo che troverà l’accordo delle forze politiche, considerato anche l’impegno ribadito più volte dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte affinché la protezione dell’ambiente e della biodiversità e lo sviluppo sostenibile siano inseriti tra i principi fondamentali del nostro sistema costituzionale.”

Clima, Fridays For Future contestano il Dl Clima. Costa: “Vi invito a incontrarci”

L’annuncio del Ministro Sergio Costa arriva attraverso il sito ufficiale del dicastero ambientale.

A cambiare potrebbe essere l’articolo 9, a cui verrà aggiunto un terzo comma oltre allo “sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica” e alla tutela “del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione“, come si legge nel disegno di legge: “La Repubblica tutela l’ambiente e l’ecosistema, protegge le biodiversità e gli animali, promuove lo sviluppo sostenibile, anche nell’interesse delle future generazioni.”

Sciopero per il clima, Costa: “Oggi abbiamo assistito a una bella lezione di scuola nelle strade d’Italia”

La Costituzione italiana non ha mai definito l’ambiente come un bene da tutelare: “Oggi più che mai l’ambiente è al centro della politica nazionale e internazionale. Provvedimenti come questi lo dimostrano, così come attestano una visione di lungo periodo su cui dobbiamo puntare sempre più. Per lasciare qualcosa di importante e duraturo ai nostri figli”, conclude Costa.

Clima, il Ministro Costa all’ONU: “Dobbiamo osare e lo stiamo facendo” VIDEO

 

(Visited 218 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago