Rifiuti

Ambiente, Sperlonga è il primo comune Plastic Free del Lazio

Condividi

Il comune di Sperlonga è il primo comune del Lazio ad aver ricevuto la bandiera Plastic Free, premiando così il suo impegno nella lotta contro i rifiuti plastici.

Il comune di Sperlonga ha ricevuto la bandiera Plastic Free, primo nel Lazio, a conferma del grande impegno della località balneare nella lotta contro la plastica.

Plastic free, stanziati 800mila euro per i ristoratori che ridurranno l’uso della plastica

La bandiera Plastic Free è rilasciata dall’omonima associazione nell’ambito di un protocollo d’Intesa con cui le parti si impegnano nel comune obiettivo di proporre sul territorio attività di sensibilizzazione ambientale orientata alla riduzione della plastica e delle emissioni inquinanti, in linea con gli impegni già assunti dall’amministrazione.

 


Con il protocollo, che resterà in vigore un anno, l’associazione si impegna a realizzare, con la collaborazione del Comune, iniziative di raccolta della plastica e dei rifiuti non pericolosi, lezioni di educazione ambientale nelle scuole, attività di informazione e sensibilizzazione sia online, attraverso i social, sia, quando sarà possibile, in presenza sul territorio, passeggiate ecologiche e segnalazioni di abbandoni di rifiuti.

Roma, “Adotta il tuo fiume”: ecco come funzionano le barriere acchiappa plastica

Già nel 2019 il comune di Sperlonga ha bandito con un ordinanza comunale l’utilizzo ed il commercio di plastica monouso quali bottiglie, piatti, bicchieri, cannucce, mescolatori di bevande monouso, posate, cotton fioc e buste in plastica e materiali non biodegradabili.

Al fine di garantire il successo della iniziativa sono stati coinvolti gli esercizi commerciali, gli stabilimenti balneari, e anche dalle assemblee del Consiglio comunale.

A Sperlonga si trovano esclusivamente materiali compostabili o vetro. Tale ordinanza ha anticipato l’entrata in vigore della Direttiva Europea (3 Luglio 2021) che proibisce la vendita di prodotti in plastica monouso quali cotton-fioc, posate, piatti, cannucce, palette, bastoncini per palloncini realizzati in plastica, nonché alcuni contenitori alimentari in polistirolo espanso che tanto danneggiano i nostri mari ed i suoi abitanti.

 

(Visited 29 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago