Attualità

Ambiente, la promessa dell’UEFA: Europei di calcio a emissioni zero

Condividi

Secondo Michele Uva, direttore del social responsability dell’UEFA, gli Europei di calcio saranno un torneo rispettoso dell’ambiente e a emissioni zero.

“Rispetto”, è lo slogan dell’Uefa, e da qualche tempo viene declinato davvero a 360 gradi. Per “il calcio che è tornato” come recita lo spot per gli Europei, infatti, a Nyon hanno pensato davvero a tutto, fino ad arrivare a garantire – sul fronte dell’ambiente- un torneo ad emissioni zero.

Lo spiega all’Ansa Michele Uva, ora direttore football & social responsability dell’Uefa, dopo esserne stato vice presidente.

Apre in Italia la prima BancaOssigeno per compensare le nostre emissioni di CO2

Tutto quello che produrremo – annuncia compiaciuto – lo ripagheremo investendo in alcuni progetti di energia rinnovabile che compensano le emissioni prodotte durante la competizione”

Abbiamo lavorato su cinque aree, appunto tutte legate dal termine ‘respect’, rispetto – prosegue Uva, che mercoledì sarà il rappresentante dell’ Uefa all’Olimpico per Italia-Svizzera – La prima è quella dedicata ai diversamente abili, con l’abolizione delle barriere architettoniche, le vie preferenziali per le persone in carrozzina, fino alle macchine elettriche per le persone con ridotta mobilità. Abbiamo previsto anche l’audiodescrizione per i non vedenti, un servizio che regaliamo alle 11 federazioni che ospitano gli Europei nella speranza che ne replichino l’esperienza anche in futuro”.

Clima, Mercalli: “Tra 10 anni non potremo più intervenire sulle emissioni. Il nucleare non è energia verde”

“La seconda area è dedicata al rispetto per la salute – prosegue – c’è una no smoking policy globale in tutti gli stadi, poi c’è una Healty food, con il controllo del cibo che sarà distribuito negli stadi policy. Inoltre, l’acqua potabile deve essere disponibile gratis per tutti e ci saranno i parcheggi per le biciclette nello stadio, rastrelliere dedicate per chi va in bicicletta”.

Terzo punto di Euro 2020 è il rispetto per l’ambiente. “Abbiamo previsto – spiega ancora Uva – un programma di riciclo dei materiali. Dovunque ci sia materiale, dalle lattine alle bottiglie fino agli striscioni, c’è una strategia di riciclaggio. Poi c’è il combi ticket: ovvero col biglietto della partita puoi utilizzare tutti i mezzi pubblici per andare allo stadio, evitando così di prendere la macchina. Abbiamo calcolato tutte le emissioni che produrremo durante il torneo, abbiamo calcolato ad esempio quanto co2 ha prodotto la Turchia per spostarsi in Italia”

 

(Visited 11 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago