Attualità

Ambiente, Palau vieta le creme solari: “Dannose per la fauna e la barriera corallina”

Condividi

Palau è diventata la prima nazione al mondo a vietare le creme solari che contengono ossibenzene perché mettono a rischio la fauna e la barriera corallina.

Palau nel Pacifico è diventata la prima nazione a vietare la creme solari perché dannose per i coralli e la fauna marina. Dal 1° gennaio la crema solare che include ossibenzene non potrà essere acquistata nel paese. Il Presidente di Palau Tommy Remengesau ha spiegato “dobbiamo vivere e rispettare l’ambiente perché è il nido della vita”. Palau viene definito il “paradiso intatto” dei tuffatori. Una laguna nelle Rock Island è stata dichiarata patrimonio dell’UNESCO.

Barriera corallina addio. Senza biodiversità danni per 145mila miliardi l’anno

Il divieto, annunciato nel 2018, proibisce l’uso della crema solare che contiene almeno uno di dieci ingredienti, tra cui l’ossibenzene e l’octinoxato, che servono ad assorbire i raggi ultravioletti. L’International Coral Reef Foundation sostiene gli agenti chimici vietati sono “pollutanti pericolosi per l’ambiente e tossici per la fauna marina”. Il Presidente ha spiegato “quando la scienza ci dice che una pratica è pericolosa per la barriera corallina, per i pesci e per l’oceano, la nostra gente prende nota e lo stesso fanno i turisti. La crema è stata trovata negli habitat più a rischio di Palau e sulla pelle degli animali più famosi. Non ci preoccupa essere la prima nazione al mondo a vietare questi agenti chimici e faremo la nostra parte per diffondere la parola”.

 

Microplastiche scambiate per cibo: i coralli rischiano l’estinzione

Il numero di creme solari che contengono questi agenti chimici è diminuito. Secondo gli esperti, nel 2018 questi agenti chimici erano presenti nel 50% di creme e lozioni presenti sul mercato. Quando le Hawaii hanno annunciato un divieto simile, che entrerà in vigore nel 2021, le aziende più famose hanno iniziato a dire che i loro prodotti non danneggiano la barriera corallina. Altri paesi hanno annunciato un divieto simile tra cui le Isole Vergini e l’Isola di Bonaire, un’isola olandese nei Caraibi.

Plastica, l’isola paradisiaca del Pacifico è diventata una discarica VIDEO

(Visited 240 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago