Attualità

Ambiente, ONU, OCSE e WWF insieme per il progetto BforPlanet

Condividi

Il 7 e l’8 luglio si terrà a Barcellona BforPlanet, evento per promuovere la sostenibilità ambiente promosso dalle Nazioni Unite insieme all’OCSE, al WWF e la Banca Mondiale.

Le Nazioni Unite, attraverso l’UNDP (Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo), l’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), la Banca Mondiale e il WWF  si uniscono per la prima volta per il progetto BforPlanet, evento che si terrà  7 e 8 luglio presso lo spazio Montjuïc della Fira de Barcelona Montjuïc,  incentrato sulla promozione degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite nel settore privato.

Clima, l’Onu: “Umanità a rischio col riscaldamento globale”. La bozza del report Ipcc

 


Organizzato da Fira de Barcelona con il sostegno del Comune di Barcellona, BforPlanet ha un programma che si articola su 5 temi: Partnership, Crescita sostenibile, Azione per il clima, Innovazione e Inclusione sociale. Esperti indipendenti, rappresentanti di alto livello di istituzioni e organizzazioni internazionali e dirigenti del settore privato presenteranno diverse strategie nei settori della sostenibilità e dell’implementazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile nelle attività imprenditoriali, volte a generare opportunità commerciali, aprire nuovi mercati e creare posti di lavoro.

Show your stripes, la campagna dell’Onu che mostra i dati drammatici del cambiamento climatico

Tra le aziende in primo piano figurano Amazon, Coca-Cola, Aigües de Barcelona, Danone, Unilever, Renfe o BBVA, per citarne alcune. Saranno quindi presentati esempi e soluzioni specifici per la trasformazione di modelli di business in settori quali l’economia blu, la lotta contro l’inquinamento, l’economia circolare, l’efficienza energetica, l’uguaglianza di genere, i partenariati pubblico-privato e la fornitura di acqua potabile e alimenti sicuri in tutto il mondo

(Visited 32 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago