Good News

Sostenibilità, a Montreal apre la più grande serra da tetto del mondo

Condividi

Apre a Montreal, ad opera di Lula Farm, la più grande serra costruita sul tetto di un edificio, grande 15mila metri quadrati, quanto 3 campi da calcio.

Seguendo la nuova tendenza di massimizzare gli spazi verdi urbani, nasce una serra in cima a un magazzino di Montreal che coltiva melanzane e pomodori per soddisfare la domanda di alimenti di provenienza locale.

Non è una scelta ovvia il luogo per coltivare ortaggi biologici, nel cuore della seconda città più grande del Canada, ma Lufa Farms ha inaugurato questa  struttura che si estende su 160.000 piedi quadrati (15.000 metri quadrati), o circa le dimensioni di tre campi da calcio, rendendola la più grande del mondo.

 


La missione dell’azienda è quella di coltivare cibo dove le persone vivono e in modo sostenibile”, ha detto il portavoce Thibault Sorret, mentre mostrava il suo primo raccolto di melanzane giganti.

È la quarta serra sul tetto che l’azienda ha costruito in città. La prima, costruita nel 2011 con un costo di oltre 2 milioni di dollari canadesi (1,5 milioni di dollari), ha aperto nuovi orizzonti.

Enea Progetto Ri-genera, edifici abbandonati rinascono come serre verticali

Mohamed Hage, nato in Libano, e sua moglie Lauren Rathmell, americana del vicino Vermont, hanno fondato Lufa Farms nel 2009 con l’ambizione di “reinventare il sistema alimentare”.

Alla Lufa, circa 100 varietà di verdure ed erbe vengono coltivate tutto l’anno in contenitori idroponici rivestiti con fibra di cocco e nutriti con sostanze nutritive liquide, tra cui lattuga, cetrioli, zucchine, bok choy, sedano e germogli.

 


I bombi impollinano le piante, mentre vespe e coccinelle tengono sotto controllo gli afidi, senza bisogno di pesticidi.

Ogni settimana viene raccolta una quantità sufficiente di verdure per sfamare 20.000 famiglie, con cesti su misura per ciascuna al prezzo base di 30 dollari canadesi.

Il “mercato online” dell’azienda vende anche beni prodotti da aziende agricole partner locali tra cui “pane, pasta, riso, eccetera“, ha detto Sorret.

Al piano terra della nuova serra, un enorme centro di distribuzione riunisce quasi 2.000 prodotti alimentari da offrire a “Lufavores”, compresi i ristoranti.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Vous pouvez maintenant envoyer des paniers cadeaux à partir de votre Marché en ligne pour le temps des Fêtes, personnalisés au goût de l’heureux choisi. Vous n’avez qu’à visiter la section « Cadeaux » en haut à droite de notre site Web, décider du type de cadeau et de son destinataire, et commencer à personnaliser. Envoyez un cadeau local et responsable d’exception à tout un chacun. 🎄 #panierscadeaux #agricultureurbaine #lesfermeslufa • This holiday season, customize and send a gift basket full of fresh, local, responsible products from our Marketplace to anyone – Lufavore or not. Just go to your open Marketplace, select “Gift” and send a basket to you and yours. 🎄 #giftbaskets #urbanagriculture #lufafarms

Un post condiviso da Lufa Farms / Les Fermes Lufa (@lufafarms) in data:


Ora siamo in grado di nutrire quasi il due per cento di Montreal con le nostre serre e le nostre aziende agricole partner“, ha affermato Sorret.

Il vantaggio di essere su un tetto è che si recupera molta energia dal fondo dell’edificio“, consentendo un notevole risparmio di riscaldamento, una risorsa durante il rigido inverno del Quebec, spiega.

Abbiamo anche utilizzato spazi fino ad ora completamente inutilizzati”, ha detto.

Greencube, il primo micro-orto per coltivare verdure nello spazio

Completamente automatizzata, la nuova serra dispone anche di un sistema idrico che raccoglie e riutilizza l’acqua piovana, con un risparmio “fino al 90 per cento” rispetto a una fattoria tradizionale.

Lufa “ha più che raddoppiato” le sue vendite durante la nuova pandemia di coronavirus, un balzo attribuibile “alla consegna senza contatto dal nostro sito online”, afferma Sorret.

 

(Visited 44 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago