Attualità

Ambiente, Marevivo premia ad Alicudi la scuola più piccola d’Europa

Condividi

La scuola primaria di Alicudi, la più piccola d’Europa, è stata premiata dall’associazione Marevivo .

La scuola primaria di Alicudi, la più piccola d’Europa con i suoi tre alunni, è stata premiata dall’associazione ambientalista Marevivo. La scuola ha ricevuto il dono del “Blue Corner” dei Delfini Guardiani da parte della Onlus con il sostegno di Msc Foundation.

I piccoli allievi, nominati “delfini guardiani” si sono dati all’abbellimento della propria scuola attraverso gli stencil che sono stati donati. Imparare a riconoscere un animale studiando le tracce del suo passaggio, scoprire di più sull’ecosistema delle spiagge passando al microscopio i granelli di sabbia o rocce, costruire alcuni strumenti con materiale di riciclo, ma anche fare i conti con le minacce che affliggono il Pianeta Oceano e comprendere l’importanza di assumere comportamenti sostenibili. Queste sono solo alcune delle azioni che vedranno protagonisti circa mille studenti di 21 scuole primarie.

Marevivo, tutela del mare nel PNRR. Giugni: “L’inserimento ci ha dato un po’ di conforto”

Oltre ad Alicudi, il progetto coinvolge gli studenti di altre isole minori: Filicudi, Lipari, Salina, Vulcano, Stromboli, Panarea, Favignana, Marettimo, Elba. Nella città di Milazzo è prevista inoltre un’edizione speciale dello storico progetto di educazione ambientale di Marevivo che negli anni ha visto coinvolte tutte le isole minori italiane, rivisitato a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia.

(Visited 22 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago