Eventi

Ambiente Mare Italia sbarca a Civitavecchia-Tarquinia con “Conosciamo la Frasca”

Condividi

Ambiente Mare Italia – AMI inaugura la nuova delegazione territoriale di Civitavecchia – Tarquinia e in considerazione delle caratteristiche naturalistiche, paesaggistiche e culturali della zona, celebra questo evento con una passeggiata archeologica – naturalistica alla scoperta del Monumento Naturale La Frasca. Sono state coinvolte per l’iniziativa tutte le Autorità locali.

Grazie al lavoro di tante associazioni e delle istituzioni locali, con il Decreto del Presidente della Regione Lazio 29 settembre 2017, n. T00162 è stato istituito il Monumento Naturale denominato “La Frasca”.

Secondo l’ultima relazione sugli aspetti ornitologici “le motivazioni che hanno portato all’istituzione del Monumento Naturale La Frasca sono molteplici e sono relative sia ad aspetti naturalistici sia ad aspetti storico-archeologici tali da aver contribuito in maniera significativa alla definizione di caratteri paesaggistici e ambientali caratteristici dei luoghi, meritevoli di tutela e di salvaguardia”1 .

Il nome “Frasca” deriverebbe dall’uso che in passato i pescatori facevano di rami (frasche) collocati verticalmente in mezzo al mare per segnalare gli approdi per le imbarcazioni. In caso di scarsa visibilità i rami venivano incendiati per illuminare il percorso per i natanti in difficoltà2.

 “Desideriamo far conoscere questa meravigliosa e originale testimonianza del passato ai nostri soci, amici e ai cittadini di Civitavecchia e di Tarquinia – commenta Alessandro Botti, Presidente di Ambiente Mare Italia – AMI – “per poter meglio ammirare le bellezze dell’area con il suo incantevole antico porto di Columna e i suggestivi resti della “mansio romana”.

L’organizzazione della passeggiata archeologica-naturalistica di AMI è stata resa possibile grazie all’autorizzazione della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Provincia di Viterbo e per l’Etruria meridionale e al nullaosta della Direzione Ambiente della Regione Lazio. Tutti i partecipanti hanno potuto visitare, accompagnati dal’’archeologa, volontaria dell’associazione, dott.ssa Marina Marcelli, il sito archeologico e ammirare l’antico porto di Columna, un insediamento portuale romano ubicato su un preesistente abitato preistorico sottoposto a vincolo archeologico.

La giornata è proseguita, grazie alla collaborazione delle associazioni locali come la LIPU, BIOMA e Forum Ambientalista, con una passeggiata naturalistica per conoscere la ricchezza di biodiversità di questo meraviglioso tratto costiero.

“Nonostante la presenza di forti realtà industriali sulla costa nord del Lazio” – interviene Ivana Puleo, Responsabile per AMI della delegazione territoriale Civitavecchia – Tarquinia – “un coriandolo verde mantiene la sua posizione, ma per sopravvivere ha bisogno dell’aiuto di tutti: Istituzioni, associazioni e cittadini. Come già fanno costantemente le associazioni, come la Lipu, Bioma e il Forum Ambientalista, anche noicon la delegazione Civitavecchia – Tarquinia di AMI, lavoreremo insieme a loro e a tutte le realtà del territorio per valorizzare e far conoscere a tutti le meraviglie di questa terra”.

“Scoprire la storia, la cultura, vivere e passeggiare per conoscere tutti gli aspetti paesaggistici e naturalistici del nostro Paese è uno dei nostri obiettivi – conclude Alessandro Botti, Presidente di Ambiente Mare Italia – AMI -. “Oggi abbiamo potuto riscoprire insieme i tesori nascosti de La Frasca. Ringraziamo tutte le Istituzioni, le associazioni e i cittadini che ci hanno accompagnati in questa nostra prima avventura alla scoperta del territorio di Civitavecchia e Tarquinia”.

“Una delle prime condizioni di felicità è che il legame tra uomo e natura non si rompa”.

Lo diceva Tolstoj, ma lo crediamo anche noi.

“Se lo conosci lo AMI, se lo AMI lo proteggi”

La nuova delegazione di Ambiente Mare Italia – AMI sarà ora operativa a Civitavecchia – Tarquinia grazie a Ivana Puleo, responsabile territoriale di AMI.

(Visited 115 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago