Roma

Ambiente, l’incontro tra il Papa e il Segretario dell’ONU

Condividi

Papa Francesco e il Segretario dell’ONU, Antonio Guterres, si sono incontrati in Vaticano per discutere di ambiente, armi nucleari e intolleranza religiosa.

Papa Francesco ed il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, si sono incontrati in privato per circa quaranta minuti nella biblioteca vaticana. Il Papa e Guterres hanno fatto appello per un disarmo nucleare totale, la protezione dell’ambiente e la tolleranza religiosa.

Cop25, l’appello ai leader di Papa Francesco: “Parole lontane da azioni concrete”

Papa Francesco ha attaccato le armi nucleari, definendo come immorale anche il solo possesso degli armamenti. La stessa posizione è stata condivisa dal Segretario. Due anni fa, due terzi delle Nazioni Unite riuscirono a trovare un accordo sul disarmo nucleare, che venne boicottato da USA, Francia e Regno Unito insieme ad altre nazioni.

Nucleare. Papa Francesco a Hiroshima: “Mai più il boato delle armi”

Guterres ha fatto anche appello alla necessario raggiungimento della neutralità delle emissioni entro il 2050, “in linea con ciò che la comunità scientifica ritiene necessario per salvare il pianeta”. Guterres ha parlato cinque giorni dopo la fine del COP25 di Madrid, dove gli Stati più grandi hanno snobbato la richiesta di azioni più importanti contro i cambiamenti climatici, ricevendo critiche dalle nazioni più piccole e dagli attivisti.


COP25, come la Conferenza di Madrid ha deluso tutte le aspettative

Entrambi hanno parlato del bisogno di un dialogo inter religioso che condanni il concetto della violenza in nome di Dio: “Vediamo gli ebrei uccisi nelle sinagoghe e le loro tombe imbrattate dalle svastiche. I musulmani colpiti nelle loro moschee e i loro luoghi religiosi vandalizzati. I cristiani uccisi durante le preghiere e le chiese bruciate. Dobbiamo fare di più per promuovere il dialogo e contrastare l’odio dilagante”.

(Visited 59 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago