Attualità

Ambiente, conclusa l’operazione Bosco Sicuro: l’impegno dei carabinieri in difesa delle foreste

Condividi

Si è conclusa l’operazione Bosco Sicuro, l’attività dei carabinieri della forestale in difesa delle foreste e dell’assetto idrogeologico del territorio.

Conclusa l’Operazione Bosco Sicuro 2019, l’attività operativa di prevenzione e repressione dei reati e violazioni amministrative nel settore forestale svolta dalle Stazioni del Comando Carabinieri per la Tutela Forestale su tutto il territorio nazionale.

I Carabinieri forestali, attraverso le proprie articolazioni, costituite da 788 Comandi  Stazioni a presidio di aree di grande valenza ambientale, hanno dedicato particolare attenzione, nella prima decade di dicembre, alle operazioni di taglio ed esbosco autorizzate a livello regionale nonché a intensificare i controlli per contrastare il fenomeno dei furti e tagli abusivi di legname, che alterando la funzionalità ecosistemica del terreno, favoriscono l’innesco di fenomeni  di dissesto idrogeologico.

Le mutazioni climatiche hanno rivelato la loro incidenza con particolare violenza e con conseguenze che sono visibili a tutti.

CITES, calendario 2020 dell’Arma dei Carabinieri: tutela delle specie e dei loro habitat

Il cambiamento climatico, infatti, può indurre un aumento delle temperature medie con conseguente alterazione delle manifestazioni meteorologiche. La condizione si manifesta  con una diminuzione delle precipitazioni deboli, un aumento di piogge forti e periodi di siccità accentuati, la famosa tropicalizzazione del clima.

Queste mutazioni sono associate ad una variazione della capacità del suolo di assorbire l’acqua piovana con il conseguente  aumento dei processi alluvionali ovvero con l’instaurarsi di fenomeni di aridità diffusa e desertificazione. Incendi, erosione del suolo e le frane sono le tragiche conseguenze di questi cambiamenti.

Un bosco in salute è la prima arma efficace di contrasto a tali fenomeni, in quanto rafforza la stabilità dei versanti  scongiurando possibili fenomeni di dissesto idrogeologico.

Parco nazionale del Circeo, taniche di benzina e lettere intimidatorie ai Carabinieri forestali

Le operazioni selvicolturali non sono di per sé dannose, ma vanno eseguite secondo regole ben definite e nel rispetto delle norme al fine di assicurare la salvaguardia e gestione sostenibile delle risorse forestali.

I risultati della complessa attività si riassumono in  1.772 controlli sul territorio con conseguente elevazione di sanzioni amministrative pari a € 223.000 e comunicazioni di notizie di reato.

L’attività, condotta dal Comando Carabinieri per la Tutela Forestale, si inquadra nel più generale monitoraggio e controllo degli ecosistemi forestali ed ha evidenziato come sussistano ancora comportamenti illeciti che sono causa di fenomeni gravemente lesivi a danno del territorio.

Bioparco e Carabinieri Forestali di nuovo insieme contro i reati ambientali

(Visited 6 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago