Attualità

Ambiente, combattere la povertà aiuta a ridurre anche la deforestazione

Condividi

Secondo uno studio il programma di aiuti economici Family Hope, rivolto alle comunità rurali dell’Indonesia, ha avuto l’inaspettato esito di ridurre del 30% la deforestazione nelle aree coinvolte.

Un nuovo studio ha scoperto che un programma governativo volto ad aiutare fornire soldi alle povere comunità rurali indonesiane ha avuto l’inatteso beneficio di ridurre la deforestazione del 30% nei villaggi coinvolti.

Deforestazione, allarme FAO: 178 milioni di ettari persi negli ultimi 30 anni

Il programma, chiamato “Family Hope”, serve a fornire alle famiglie i soldi per permettersi determinati servizi come visite mediche, istruzione dei bambini e la possibilità di prendere parte a programmi sanitari e nutrizionali. Sebbene programmi del genere esistano in diversi paesi, questi non sono mai stati collegati a dei benefici ambientali: questo perché la crescita economica è spesso legata alla distruzione ambientale. Il nuovo studio ha esaminato le abitudini di 266,533 famiglie in 7468 villaggi rurali tra il 2008 e il 2012, mettendo poi a confronto le foreste presenti nelle aree in cui sono stati dati i fondi rispetto alle altre. In questo modo i ricercatori hanno scoperto che le foreste nelle aree in cui erano stati destinati i fondi erano tenute in condizioni migliori rispetto ad altre regioni dell’Indonesia. “Per decenni le persone hanno considerato come opposte le soluzioni per risolvere la povertà e proteggere l’ambiente. Risolvere questo dibattito è importante perché molte persone povere vivono nelle aree in cui gli ecosistemi sono maggiormente a rischio, come nelle foreste pluviali” ha spiegato Paul Ferraro, uno degli autori dello studio.

Deforestazione, i supermercati britannici minacciano di boicottare i prodotti brasiliani

Proteggere le foreste indonesiane è fondamentale per la salute della fauna e del pianeta ma per le persone che vivono nei villaggi spesso la vendita di legname è l’unica fonte di reddito. L’Indonesia è casa della terza foresta pluviale più grande del mondo ma anche è il maggior produttore di olio di palma, un settore che genera milioni di posti di lavoro ed è responsabile per la distruzione e gli incendi nelle foreste. Secondo i dati di Global Forest Watch, l’Indonesia ha avuto il terzo tasso di perdita di foresta pluviale lo scorso anno. Inoltre si tratta del paese nel quale la differenza fra ricchi e poveri è cresciuta più rapidamente rispetto alle altre nazioni del Sudest asiatico negli ultimi vent’anni. “Indipendentemente dal modo in cui lo guardiamo, il programma anti povertà ha portato ad una riduzione della deforestazione nei villaggi che hanno ricevuto i fondi”.

Amazzonia, la deforestazione porterà a nuove pandemie in futuro

Secondo i ricercatori questi studi possono essere applicati in altri paesi asiatici con simili esperienze, come ad esempio le foreste che vengono abbattute per far posto alle risaie. Inoltre lo studio dimostra che quello che è buono per le persone lo è anche per l’ambiente: “Il valore della deforestazione evitata, solamente prendendo in considerazione le emissioni prodotte, è più alto dei costi economici del programma”.

(Visited 103 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago