AttualitàClimaPolitica

Amazzonia, gli Stati Uniti propongono un patto regionale contro la deforestazione

Condividi

Un patto regionale contro la deforestazione dell’Amazzonia. È la proposta degli Stati Uniti, giunta dal segretario di Stato Antony Blinken durante un viaggio istituzionale in Colombia.

Un patto regionale contro la deforestazione, per salvare l’Amazzonia. È la proposta degli Stati Uniti, giunta dal segretario di Stato Antony Blinken durante un viaggio istituzionale in Colombia. In vista della Cop26, il segretario di Stato Usa ha incontrato il presidente colombiano Ivan Duque e ricordato: “Possiamo fare grandi passi sul cambiamento climatico, intanto nei prossimi giorni finalizzeremo una nuova partnership regionale incentrata sul contrasto della deforestazione e guidata dalle materie prime“.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Secretary Antony Blinken (@secblinken)

La proposta degli Stati Uniti prevede sostegni finanziari per le aree native protette e gli agricoltori locali, ma anche aiuti alle aziende per ridurre la loro dipendenza dalla deforestazione. L’Amazzonia è fondamentale per l’ambiente di tutto il mondo, ma negli ultimi anni la deforestazione e l’attività agricola intensiva hanno fatto sì che ogni anno le emissioni di gas serra siano sempre maggiori.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Secretary Antony Blinken (@secblinken)

La maggior parte della foresta amazzonica si trova in territorio brasiliano ed è proprio il Brasile il principale responsabile della deforestazione. Antony Blinken, in vista della Cop26, avrebbe corteggiato a lungo Jair Bolsonaro per unirsi alla lotta al cambiamento climatico, salvo poi ‘ripiegare’ sulla Colombia: “Il governo di Bogotà sta mostrando una leadership notevole sul clima“.

(Visited 32 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago