Territorio

Amazzonia, programmata riunione d’emergenza. Bolsonaro: adottare “politica unica”

Condividi

Amazzonia. Una riunione d’emergenza prevista il 6 settembre per coordinare l’azione a difesa della più grande foresta tropicale al mondo colpita dagli incendi. 

I presidenti dei Paesi sudamericani il cui territorio comprende una parte della foresta amazzonica si riuniranno il prossimo 6 settembre a Leticia, in Colombia, per discutere di una “politica unica” in materia di protezione ambientale. Lo ha annunciato il presidente brasilianoJair Bolsonaro, al termine di un incontro con il suo collega cileno, Sebastian Pinera, a Brasilia.

Incendi. Amazzonia, Siberia e Africa. Il Pianeta Terra è in pericolo

Secondo i dati riportati da Greenpeace, quest’anno il 75 per cento dei focolai si è verificato in aree che nel 2017 erano coperte dalle foreste e che successivamente sono state deforestate o degradate per lasciare spazio a pascoli o aree agricole.

Tra gennaio e agosto 2019, il numero di incendi nella regione è aumentato del 145 per cento rispetto allo stesso periodo del 2018.

Amazzonia, la rivolta degli artisti sui social. DiCaprio:”I polmoni della Terra sono in fiamme”

Intanto, il governo brasiliano ha accettato una donazione di 10 milioni di sterline (circa 11 milioni di euro) del Regno Unito per finanziare la lotta contro gli incendi forestali in Amazzonia. Lo ha reso noto il ministero degli Esteri del Paeese sudamericano. Fonti del dicastero citate da G1 – il sito news della Globo – hanno detto che l’offerta di assistenza è stata presentata da un rappresentante del primo ministro britannico Boris Johnson al ministro brasiliano degli Esteri, Ernesto Araujo, che l’ha accettata.

Amazzonia, Bolsonaro ci ripensa e accetta 12 milioni di dollari dal Regno Unito

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago