Territorio

Emergenza Amazzonia, i paesi del G7 stanziano 20milioni di dollari. DiCaprio da solo ne dona 5mln

Condividi

I Paesi del G7 hanno deciso di stanziare 20 milioni di dollari per sostenere i Paesi dell’Amazzonia. Mentre l’attore Leonardo DiCaprio, sempre in prima linea per l’ambiente, con il suo progetto Earth Alliance ha donato cinque milioni di dollari per affrontare la crisi degli incendi.

Ultima giornata di lavori al G7 di Biarritz. Il vertice dei ministri dell’economia per fronteggiare l’emergenza che sta colpendo il polmone verde del pianeta ha deciso di stanziare un fondo da 20 milioni di dollari. Ad annunciarlo una fonte dell’Eliseo, precisando la maggior parte dei fondi verranno usati per inviare Canadair, ha fatto sapere una fonte dell’Eliseo.

I G7 hanno inoltre concordato il sostegno a un piano a medio termine per il rimboschimento, che verrà svelato alle Nazioni Unite a settembre.

Amazzonia, incendi aumentati del 145% rispetto lo scorso anno. VIDEO e IMMAGINI di Greenpeace

Il premier britannico, Boris Johnson, ha promesso aiuti per 10 milioni di sterline. Il governo del Regno Unito ha annunciato questi aiuti poco prima dell’inizio di una sessione del summit dedicata all’ambiente.

Nel corso di una settimana in cui abbiamo visto tutti, inorriditi, la foresta amazzonica bruciare sotto i nostri occhi, noi non possiamo sfuggire alla realtà delle devastazioni che infliggiamo alla natura“, ha dichiarato Johnson, confermando tra l’altro la disponibilità del Regno Unito ad ospitare l’anno prossimo la conferenza sul clima Cop26.

Cop26, partnership Italia -Regno Unito. Costa: “Due paesi che hanno posto come priorità il contrasto al cambiamento climatico”

Scendono in campo anche numerose celebrità internazionali, tra cui un attore da sempre in prima linea per la difesa dell’ambiente, Leonardo DiCaprio. L’attore ha annunciato la donazione di 5 milioni di dollari per affrontare la crisi degli incendi.

Amazzonia, la rivolta degli artisti sui social. DiCaprio:”I polmoni della Terra sono in fiamme”

Oltre ai 5 milioni stanziati dalla fondazione, Earth Alliance Foundation, lanciata poche settimane fa da DiCaprio, Laurene Powell Jobs e Brian Sheth, l’attore statunitense ha annunciato anche la possibilità di raccogliere le donazioni del pubblico, del denaro che sarà al 100% impiegato per la difesa amazzonica:

“Il 100% delle vostre donazioni saranno consegnate ai partner già al lavoro sul posto per proteggere l’Amazzonia. L’Earth Alliance è impegnata nella protezione del mondo naturale. Siamo profondamente preoccupati dalla crisi in corso in Amazzonia, che sottolinea il delicato equilibrio del clima, della biodiversità e del benessere delle popolazioni indigene. Per sapere come donare, visitate ealliance.org/amazonfund “.

DiCaprio unisce le forze con altri big per salvare il pianeta: nasce Earth Alliance

Intanto il presidente brasiliano Jair Bolsonaro è tornato ad attaccare il suo collega francese, Emmanuel Macron, segnalando che il suo paese “non può accettare” che si lancino “attacchi gratuiti e fuori luogo” contro il modo in cui gestisce l’Amazzonia, né che “travesta le sue intenzioni dietro all’idea di una ‘alleanza’ dei paesi del G7 per ‘salvare’ l’Amazzonia, come se fossimo una colonia o una terra di nessuno”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago