AttualitàMobilità

AM1, il primo scooter alimentato con una cartuccia di idrogeno verde

Condividi

Il suo nome è AM1 ed è il primo scooter a idrogeno. Una soluzione alternativa, ad emissioni zero, a cui sta lavorando l’azienda francese Mob-Ion, che ha da poco avviato un programma di sperimentazione per uno scooter ad idrogeno.

Il motore da 3Kw dello scooter è alimentato da celle ad idrogeno, poco più grandi di una lattina e che possono essere installate o rimosse facilmente.

Queste ‘cartucce’, realizzate dalla è STOR-H Technologies, sono ricaricabili all’infinito e hanno una durata di 10 anni. Inoltre, sono completamente riciclabili, dal momento che al loro interno viene caricato dell’idrogeno “verde” quello ricavato dall’elettrolisi dell’acqua.

Pnrr, l’Ue boccia i piani di Eni: “Fondi solo all’idrogeno verde”. Esultano gli ambientalisti: “No al greenwashing”

La reazione dell’idrogeno con l’ossigeno nell’aria, fa produrre alla cella elettricità, vapore acqueo e calore.

Calore, che normalmente andrebbe disperso, sullo scooter AM1 verrà utilizzato per consentire agli idruri di rilasciare l’idrogeno immagazzinato e alimentare di conseguenza il mezzo.

Mobilità a idrogeno, in Italia può generare un valore di 3,5 mld

Rispetto all’idrogeno comune, ricavato dal gas metano, questa tipologia di idrogeno ha un costo più alto, ma l’azienda francese è certa che nei prossimi anni il costo diminuirà molto.

(Visited 291 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago