Breaking News

ROMA. IN PIAZZA GLI STUDENTI CONTRO L’ ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

Condividi

Alternanza scuola-lavoro. Studenti di tutta Italia, in piazza oggi per il primo sciopero contro le modalità con cui viene gestita l’alternanza scuola-lavoro.

Convocato dall’Unione degli studenti, le manifestazioni in programma hanno coinvolto 70 città italiane. I ragazzi, spiegano le organizzazioni Rete della Conoscenza Unione degli Studenti e Link Coordinamento Universitario, indosseranno tute blu contro lo sfruttamento chiedendo una alternanza di qualità.

In piazza c’erano anche gli universitari di Link contro i “tirocini – sfruttamento”. ” Siamo stanchi di vedere i nostri percorsi di studi degradati a manodopera a basso costo per enti, privati e imprese ¬– dice Andrea Torti, coordinatore nazionale di Link, annunciando che con la campagna Formazione Precaria hanno lanciato un’inchiesta, con lo scopo di portare alla luce lo sfruttamento che gli studenti e le studentesse vivono nei loro percorsi accademici.” Al Ministero dell’istruzione – spiegano i ragazzi in piazza – chiediamo che fine abbia fatto lo statuto delle studentesse e degli studenti in alternanza scuola – lavoro e il codice etico per le aziende. “Siamo stanchi di aspettare – aggiungono – come studenti viviamo sulla nostra pelle i disagi di questo modello di alternanza scuola – lavoro, noi siamo studenti, non merce nelle mani delle aziende.”

(Visited 77 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago