Riciclo e RiusoRifiuti

ALTERECO, l’economia circolare a km zero è realtà

Condividi

L’economia circolare si potrà avere se tutta la filiera deciderà di invertire la rotta partendo dal soggetto più importante, il consumatore. Ecco di cosa si occupa l’azienda ALTERECO. Intervista a Maurizio Corazzi, responsabile Ricerca e Sviluppo.

Abbiamo visitato un’azienda rivoluzionaria che anticipa anche il legislatore e produce beni partendo da scarti di altre produzioni. In questo caso vengono prese delle fibre di materiale vegetale come la canna da zucchero e si realizza un materiale totalmente biodegradabile in pochi giorni.
L’economia circolare si potrà avere se tutta la filiera deciderà di invertire la rotta partendo dal soggetto più importante, il consumatore.

ALTER ECO Srl collabora con molte Aziende per mettere a punto processi produttivi caratterizzati da una forte innovazione tecnologica, in grado di riciclare gli scarti di gomma vulcanizzata (da pneumatico, calzaturiero e da articoli tecnici in generale), gli scarti di materiale plastico da post-consumo e i prodotti chimici esausti per ottenere materiali e manufatti riciclati.

Economia circolare, creare materiali innovativi dagli scarti vegetali si può VIDEO 

Si propone quale partner commerciale di queste Aziende che producono materiali riciclati e beni e manufatti riciclati, indirizzati a settori come l’arredo stradale, l’edilizia, gli impianti sportivi ed i parchi gioco.

(Visited 12 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago