AttualitàClima

Alluvione in Cina, si aggrava il bilancio di vittime e persone colpite

Condividi

Fiumi esondati, strade inondate, invasi che hanno superato i livelli di allerta, templi chiusi e un numero sempre crescente di vittime. Si aggrava il bilancio dell’alluvione nella provincia cinese di Henan. 

Si aggrava il bilancio dei danni e delle vittime dell’alluvione nella provincia di Henan, in Cina. Il dato, ancora provvisorio, parla di 33 morti, oltre 376mila persone evacuate e danni stimati in 1,22 miliardi di yuan (circa 160 milioni di euro). Una situazione drammatica, quella che si è venuta a creare dallo scorso 16 luglio, con l’agenzia di stampa Xinhua che parla di un totale di tre milioni di persone colpite.

Le piogge torrenziali ed ininterrotte degli ultimi giorni hanno causato l’aumento dei livelli di acqua di 16 bacini idrici, superando le soglie di allarme e provocando inondazioni e allagamenti spaventosi in una dozzina di città.

Chiuso anche il famoso Tempio Shaolin.

Alluvione, in tutta Europa almeno 183 morti. Merkel e von der Leyen visitano le zone colpite

Diramato lo stato di emergenza per disastri naturali al livello II dall’Ufficio Meteorologico provinciale che si è detto pronto a gestire tutte le criticità.

Le alluvioni e le piogge persistenti anno danneggiato 9.222 ettari di coltivazioni, causando una perdita economica dei circa 11,3 milioni di dollari.

Ad oggi, i rovesci più intensi si sono verificati nella contea di Lushan della città di Pingdingshan ma, secondo le previsioni, nelle prossime 24 ore le piogge dovrebbero colpire le zone centrali, occidentali e settentrionali della provincia.

Sui social sono apparti diversi video che mostrano i passeggeri in un vagone della metropolitana allagata nel centro di Zhengzhou in piedi sui sedili o che si tengono alle maniglie mentre l’acqua saliva all’altezza delle spalle.

Nell’inondazione della metropolitana dodici persone hanno perso la vita.

Tutte le stazioni di tutte le linee della metropolitana sono state chiuse a causa del maltempo.

Incendi, continua l’emergenza in Siberia: fiamme e fumo invadono i centri abitati

Il maltempo ha poi causato diverse emergenze nelle fabbriche e spazzato via le auto.

Secondo le autorità cinesi, si tratta della pioggia più intensa registrata nell’intero secolo.

(Visited 50 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago