TORINO (ITALPRESS) – “Il prossimo step è la partita di domani. Il Venezia in casa ha segnato molto, è una squadra che gioca, è spensierata, viene da una brutta sconfitta col Verona e ora gioca contro la Juve, cercheranno un’impresa storica. Noi dobbiamo metterci al pari con loro come mentalità, con grande rispetto, correre e giocare. Poi le qualità tecniche vengono fuori ma bisogna avere l’approccio giusto. E’ una partita a rischio grosso se non la interpreti nel giusto modo, ma i ragazzi hanno capito l’importanza della gara di domani”. Massimiliano Allegri cerca ulteriori conferme nella trasferta in Laguna dopo le tre vittorie di fila ottenute fra campionato (Salernitana e Genoa) e Champions (Malmoe). “Se non fai una partita provinciale e ti metti al pari degli altri, rischi di farti male – avverte il tecnico bianconero – Ci sono quei campi in cui sembra tutto più piccolo e loro hanno fatto tre gol alla Roma, hanno battuto la Fiorentina, giocano bene, sono una squadra propositiva, creano molto. Servirà una gara importante per venire fuori con una vittoria. Qui siamo sempre a Pasqua, con la sorpresa nell’uovo – aggiunge con una battuta – Speriamo domani sia bella”. Dybala non preoccupa, ancora fuori McKennie e Ramsey, non ci sarà Arthur: “E’ arrivato in ritardo in allenamento e non sarà convocato”, annuncia il tecnico, che si aspetta passi in avanti anche alla voce gol fatti. “Non è questione di guarigione, Champions o non Champions, spazi o non spazi, ma di percentuale in fase realizzativa che è sotto la media ed è troppo bassa per essere la Juve. Bisogna essere più lucidi, più cattivi sotto porta”. E a proposito di Champions, il primo posto nel girone “è una soddisfazione ma ora dobbiamo pensare solo al campionato, dove siamo in netto ritardo, e lavorare giorno dopo giorno per ridare una certa stabilità alla classifica”.
(ITALPRESS).

Articolo precedenteMattarella “Trainante il ruolo della scienza per la crescita”
Articolo successivoWertmuller, aperta la camera ardente in Campidoglio