In questo numero del Tg Ambiente, realizzato in collaborazione con Italpress: 1) Allarme rifiuti sulle spiagge italiane; 2) Decarbonizzazione, nasce Edison Next; 3) Robot che imitano la natura, ecco cos’è la soft-robotics; 4) Ambiente, i dipendenti di Adr e Boeing puliscono spiaggia di Focene

 

In questo numero del Tg Ambiente, realizzato in collaborazione con Italpress:

1) Allarme rifiuti sulle spiagge italiane: Una media di 834 rifiuti ogni 100 metri di spiaggia – 8 rifiuti ogni passo – che supera ampiamente il valore soglia stabilito a livello europeo per considerare una spiaggia in buono stato ambientale, cioè meno di 20 rifiuti abbandonati ogni 100 metri lineari di costa. Sono alcuni dei numeri allarmanti, presentati da Legambiente nell’indagine Beach Litter 2022 sull’emergenza rifiuti abbandonati sulle spiagge, basata su un protocollo ufficiale di campionamento e catalogazione dei rifiuti, applicato su tutte le spiagge analizzate da 834 volontari dei Circoli locali di Legambiente. La plastica si attesta essere, ancora una volta, il materiale più comune ritrovato, ben l’84% degli oggetti rinvenuti (37.604 sui 44.882 totali), seguita da 2.004 oggetti di metallo (4,5%), 1.920 di carta/cartone (4,3%) e 1.566 di vetro/ceramiche (3,5%). Inoltre, ben il 46% di tutti i rifiuti monitorati nell’indagine, riguarda i prodotti usa e getta, alcuni dei quali al centro della direttiva europea che vieta e limita gli oggetti in plastica monouso, a cui è dedicato uno speciale focus. Circa i due terzi del totale dei rifiuti ritrovati (il 64% del totale) sono rappresentati da sole 10 tipologie di oggetti: al primo posto oggetti e frammenti di plastica, seguiti dai mozziconi di sigarette e dai pezzi di polistirolo. E ancora tappi e coperchi in plastica e le stoviglie usa e getta.

Legambiente: sulle spiagge italiane si trovano 8 rifiuti ogni passo

2) Decarbonizzazione, nasce Edison Next: Nasce ‘Edison Next’, la società di Edison che accompagna aziende e territori nella transizione ecologica e nella decarbonizzazione. Si tratta di una piattaforma unica sul mercato per servizi tecnologie e competenze, già presente in Italia, Spagna e Polonia in oltre 65 siti industriali; 2100 strutture pubbliche e private e 280, con oltre 3500 persone. Il piano di sviluppo di Edison Next prevede investimenti per 2,5 miliardi di euro al 2030.

Mobilità, una città Carbon Free: a Lisbona trasporti pubblici gratuiti

3) Robot che imitano la natura, ecco cos’è la soft-robotics: Le risposte ai problemi ambientali e al cambiamento climatico che stiamo vivendo e che sempre di più affliggeranno il nostro Pianeta potrebbero arrivare dalla soft-robotica, una branca della robotica che abbandona il concetto di rigidità tipico dei robot come li abbiamo conosciuti fino ad oggi e che si impegna nella ricerca di materiali flessibili e morbidi per la loro produzione. Negli ultimi anni la Soft Robotics sta virando verso un’idea ecosostenibile della robotica. Seguendo questa strada, diversi scienziati in Europa e nel mondo stanno cercando di creare robot flessibili che siano anche in grado di copiare la natura. L’edizione di Robosoft2022, la conferenza internazionale della Soft-Bots che si è tenuta lo scorso aprile ad Edimburdo è stata completamente dedicata all’ambiente e al modo in cui la robotica flessibile potrà, in un futuro prossimo, aiutare il Pianeta a combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze. Tra le novità presentate durante la conferenza, un robot a forma di stella marina che si muove soltanto all’azione controllata di aria che fluisce all’interno della struttura e alcuni robot-semi che vengono lanciati nell’ambiente ma che una volta conseguito il loro obiettivo, per esempio il monitoraggio ambientale rispetto a sostanze inquinanti (a cominciare dal mercurio), si biodegradano, come se fossero parte dell’ecosistema naturale.

Furti di animali selvatici agonizzanti a Novare, la denuncia dei volontari

4) Ambiente, i dipendenti di Adr e Boeing puliscono spiaggia di Focene: Un centinaio di dipendenti volontari di Aeroporti di Roma e Boeing hanno ripulito la spiaggia PesceLuna di Focene. Nel corso dell’iniziativa sono stati raccolti differenziati più di 50 sacchi di plastica, vetro, carta e rifiuti indifferenziati. Dello smaltimento si occuperà il comune di Fiumicino.

Articolo precedenteBiodiversità, Carlo Petrini: “Salvaguardia elemento molto sentito dai giovani”
Articolo successivoStudioNews speciale Eurovision, si conclude la grande maratona del salotto giornalistico