Attualità

ALLARME PIOMBO FARINA. SEQUESTRATA SENATORE CAPPELLI BIO

Condividi

Roma. Pane a base di piombo? Il rischio c’è. Il Ministero della Salute ha fatto scattare l’allarme sul sito web nella sezione “Avvisi di sicurezza” per le allerte alimentari. Oggetto del richiamo, la farina BIO di grano duro Senatore Cappelli Macinata a pietra da Agricoltura Biologica. 

Uno dei prodotti più apprezzati nelle cucine italiane, la varietà di grano Senatore Cappelli, sarebbe a rischio di piombo oltre i limiti consentiti. Un fatto sorprendente (e sconvolgente!) è l’etichetta BIO.

Gorfini Giuliano, l’azienda produttrice con sede sito in località San Lorenzo 43, ad Anghiari (Arezzo), ha predisposto il provvedimento per il richiamo delle confezioni segnalate a scopo precauzionale. Il lotto interessato ha scadenza 20 luglio 2018, per tutte le confezioni da 1 kg, che dovranno essere urgentemente riportate al punto vendita di riferimento e non dovranno assolutamente essere consumate.

Come ha spiegato Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei diritti, se l’organismo assorbe piombo in quantità eccessive, il rischio per la salute è alto, con conseguenze sullo sviluppo del processo cognitivo e delle capacità intellettuali dei bambini. Gli adulti rischiano aumenti della pressione sanguigna e della probabilità di sviluppare patologie cardiovascolari.

L’ennesimo allarme per un problema che però non è nuovo in Italia. Ogni anno gli scaffali dei supermercati italiani si vedono ritirare oltre 1000 prodotti alimentari. E nel 10-20% di questi casi ad essere messa a rischio è solo la salute del consumatore. In questo caso addirittura in un prodotto di fascia alta e di etichetta BIO.

(Visited 688 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago