Animali

Alimentazione, a febbraio a Torino torna il Festival del Giornalismo Alimentare

Condividi

Alimentazione. Torna a Torino, dal 20 al 22 febbraio prossimi, la quinta edizione del Festival del Giornalismo Alimentare.

Numerosi i temi sul tavolo di questa edizione.

Sono oltre 30 i panel di discussione.

Dalle politiche del cibo alla sostenibilità e sicurezza delle filiere, dalla ricerca sul cibo del futuro allo spreco alimentare, passando per i nuovi trend come la “doggy bag” e il “food delivery“.

Alimentazione, le ghiande un “superfood” per combattere il riscaldamento globale

Ampio spazio sarà dedicato all’informazione sulla sicurezza e sui reati alimentari, al made in Italy e al cibo come veicolo di promozione sociale e culturale.

Alimentazione. Arriva MyCia, la Carta d’Identità Alimentare

Tanti e diversi anche i momenti di confronto sull’informazione vista con l’occhio della televisione, della radio e delle grandi guide gastronomiche e focus sulle grandi inchieste.

Novità di quest’anno, la possibilità del pubblico di partecipare al Festival.

“Il cibo è nella vita di noi tutti, ogni giorno e in numerosi momenti – spiega Massimiliano Borgia, ideatore e direttore del Festival – il cibo è vita, economia, sviluppo, solidarietà, benessere, salute, scienza, cultura e molto altro”.

Salute, oggi si muore di più di cattiva alimentazione che di droga o fumo

“Sempre più – aggiunge Borgia – ci informiamo sul web. E i confini tra le diverse fonti di informazione sono sempre meno netti. Il cittadino deve sapersi orientare tra le diverse fonti e interpretare in modo consapevole le informazioni che legge sui giornali o su un blog. E abbiamo pensato che aprire al pubblico le porte del Festival possa fornire un contributo importante nello sviluppo di questo spirito critico e verso la consapevolezza della responsabilità che ciascuno di noi può avere anche quando decide di condividere un contenuto – corretto o errato – sui social.”

Accanto ai dibattiti, anche quest’anno il Festival proporrà un programma parallelo di stage tecnici e laboratori.

(Visited 14 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago