Cultura

Alimentazione, dal 3 al 6 luglio torna ‘Eat Up – il festival del cibo di strada dal Mondo’

Condividi

Alimentazione. Torna, dal 3 al 6 luglio al Parco delle Energie del Centro Sociale Ex Snia, ‘Eat Up – il festival del cibo di strada dal Mondo, genuino, contadino e senza sfruttamento’.

Una manifestazione che vuole raccontare, attraverso il cibo popolare, quello mangiato in strada, la cultura del luogo d’origine, le stagioni dei raccolti di un’agricoltura contadina, il saper fare con cura, la fatica e l’ingiustizia del lavoro, le storie delle tante migrazioni e i conflitti dei territori dai quali arrivano quei sapori”.

Tra gli stand, anche quelli dedicato al cibo e alle persone della Campania in lotta contro le discariche tossiche, del Salento che si batte contro la Tap, i veleni del Ilva e difende gli ulivi secolari, dell’Africa subsahariana con le proprie sonorità e colori che parlano di sovranità alimentare, di liberazioni dalle dittature e di viaggi verso la frontiera, delle terre di Palestina, Kurdistan, Sahrawi dove cibo e acqua vuol dire diritto all’autodeterminazione, ad esistere come per gli indios sudamericani o gli zapatisti in Messico.

Alimentazione, Cheese 2019: il futuro del formaggio è senza fermenti

L’acqua, sarà rigorosamente pubblica e si berrà dalla fontana perché l’acqua è un diritto di tutti e non si può vendere.

La birra invece sarà fornita “da sette birrifici artigianali dal sud al nord Italia, un percorso di degustazione e conoscenza sulla formula uno stile per un birraio. Anche il vino e gli spiriti, sono tutti selezionati sul criterio della sostenibilità e cultura contadina”.

Alimentazione, con il caldo cresce del 20% l’acquisto di frutta

Al “prezzo politico” di 5 euro, oltre al bere e mangiare, si potranno vedere mostre, seguire presentazioni di libri e dibattiti.

Ci si potrà inoltre prenotare ai vari laboratori enogastronomici per imparare a fare il pane,

a riconoscere e assaporare il vino, a conoscere le differenze tra una birra industriale e artigianale, e i diversi stili.

Oppure, si potrà provare a costruire e suonare il tamburello e ballare la pizzica.

Non mancheranno i concerti e le proiezioni di film che verranno presentati dai protagonisti e registi.

Alimentazione, allarme cadmio nelle patate italiane. Rischio cancerogeno per un test svizzero

Tra gli altri saranno presenti Sergio Rubini per “Il grande spirito”, e Phaim Bhuiyan, il giovane regista, sceneggiatore e interprete nato a Torpignattara, per il film rivelazione “Bangla”.

Per quanto riguarda il panorama musicale, affermati artisti sulla scena internazionale si alterneranno  alle band emergenti.

I suoni e le voci dal Salento della Notte delle Taranta lasceranno spazio all’inedito show di circo contemporaneo con il finale funky dei Pink Puffers Brass Band.

Da sottolineare il ritorno degli Skiantos, storica band punk nata nel 1977 e capostipite del rock demenziale, e l’esclusiva prima volta in un centro sociale del maestro Peppe Barra”.

(Visited 78 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago