Attualità

Alimentazione, la focaccia barese è la più buona d’Italia

Condividi

Alimentazione. È la focaccia pugliese la più buona d’Italia. Lo ha deciso il FICO Eatalyworld di Bologna, il parco tematico dedicato al settore agroalimentare ed alla gastronomia. Tra i più grandi al mondo nel suo genere, visitato ogni anno da oltre 1,5 milioni di visitatori.

A sfidarsi, Tony Fiore, titolare dell’omonimo panificio a due passi dalla Basilica di San Nicola ed un pianificatore di alto livello proveniente dalla Liguria, Zena Zuena di Genova.

I due contendenti, invitati espressamente e nominalmente a Fico hanno impastato la focaccia nei forni messi a disposizione.

Alimentazione, dal 5 maggio al 30 giugno tornano le Giornate del Mangiasano

Alimentazione, parte dalla Sardegna la produzione della Spirulina, alimento del futuro

In Arena invece, è stata realizzata la quantità necessaria affinché la giuria composta da un centinaio di persone qualificate potesse degustare e votare.

Ed il verdetto è stato schiacciante.

Cattiva alimentazione, 1 decesso su 5 nel mondo

Nonostante la focaccia ligure non sia affatto male, ad aggiudicarsi il titolo di focaccia più buona d’Italia è stata quella realizzata da Tony Fiore del Panificio Fiore nel Borgo Antico di Bari.

“Mi sono sentito molto lusingato nell’essere stato designato a partecipare a questa competizione in una sede tanto prestigiosa – ha detto soddisfatto ed emozionato Tony Fiore – e devo dire che la focaccia ligure era molto gustosa. Ma, consentitemelo senza essere tacciato di presunzione, la Puglia non teme confronti, soprattutto quando si parla di gastronomia e alimentazione in generale.

(Visited 87 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago