Politica

Alberi, il Sindaco Sala inizia l’anno abbattendo un’area verde di Milano

Condividi

Il Comune di Milano ha dato il via al taglio degli alberi della zona del Campus Bassini, nonostante le promesse del Sindaco Sala e le tante proteste delle associazioni ambientaliste.

Tra promesse e fatti si sa, la strada è sempre lunga. Il Sindaco di Milano Beppe Sala ha sempre paventato la sua vena ecologista, promettendo un 2020 green, che però è iniziato con il verso opposto.

Il primo atto politico della giunta di Milano è stato infatti il via libera all’abbattimento degli alberi del Campus Bassini, un’area cittadina di 6 mila metri quadri.

All’alba del 2 gennaio  è arrivata in via Bassini una squadra di 80 poliziotti in tenuta antisommossa che ha circondato le persone – una trentina di ragazzi del Fridays For Future e di signore del quartiere – che erano corse agli ingressi del parco alle 5 di mattina, allertate dalla chat del Comitato Bassini.

“L’area è del Politecnico, che vuole costruirci su il nuovo dipartimento di Chimica, un palazzone di sei piani”, spiega la consigliera comunale
Cinquestelle Patrizia Bedori, presente al blitz dell’alba. “Ma è stato il Comune di Milano a dare il via libera, dopo aver promesso una mediazione che non c’è stata”.

Alberi, meglio della tecnologia: è il modo più efficiente per ridurre l’inquinamento

La professoressa Arianna Azzellino, docente di Valutazione d’impatto aziendale proprio al Politecnico, ricorda che il rettore Ferruccio Resta “è stato eletto nel 2016 anche per la sua promessa di costruire il nuovo dipartimento di Chimica al posto dell’edificio in cui ancora ci sono l’involucro e le scorie radioattive del vecchio reattore nucleare. Ora ha cambiato idea: lo vuole sull’area del parco, dove ha fatto abbattere, per ora, i primi 35 alberi delle 140 piante totali, con la promessa che, a compensazione, realizzerà un nuovo parco sull’area dove c’è il reattore. Ma questo sarà bonificato chissà quando. Ormai non crediamo più a nulla di quello che ci dice il rettore”.

Giovedì 9 gennaio, protesta dei cittadini: “Un corteo da via Bassini a Palazzo Marino”, annuncia la portavoce dei Verdi a Milano Elena Grandi, “per chiedere che l’area non sia edificata e che il Comune vieti nuove costruzioni in tutte le aree verdi rimaste. Sala si affacci al balcone di Palazzo Marino e chieda scusa: se l’ha fatto un Papa, può farlo anche lui”.

Giornata nazionale degli alberi, Conte: “Piantarne uno per abitante entro il 2030” VIDEO

Anche il parco chiesto dai cittadini (con 1.400 firme) sull ’area di piazza Baiamonti sarà azzerato per far posto alla terza “piramide” (simmetrica a quelle della Microsoft e della Fondazione Feltrinelli) disegnata dalle archistar Herzog e De Meuron: per indorare la pillola e bloccare ogni dissenso, Sala ha promesso che nella nuova “piramide ” ci infilerà anche il Museo della Resistenza. Fine delle opposizioni.

Più lunghi e complessi i grandi progetti su cui Sala si è impegnato nei mesi scorsi. Sulle aree degli scali ferroviari –1,25 milioni di metri quadrati dismessi dalle Ferrovie dello Stato – avverrà la più grande riconversione urbana d’Europa: realizzata dalle Fs e da Manfredi Catella, che cementificheranno lo scalo Farini con indici di edificazione doppi rispetto a quelli concessi dall’appena approvato Piano di governo del territorio.

Scuole plastic free e borracce per tutti: parte l’iniziativa del sindaco Sala

Raddoppio del cemento anche sull’area (pubblica) di San Siro: Sala ha concesso a Milan e Inter la dichiarazione di “pubblico interesse”per il loro progetto di edificare, con la scusa del nuovo impianto e grazie alla “legge sugli stadi”, quasi 300 mila metri quadrati di spazi commerciali, torri e grattacieli. Nuovo cemento anche nell’immensa area della Piazza d’armi. Ma Sala è green.

(Visited 15 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago