La NASA userà per la prima volta i suoi supercomputer e le immagini satellitari per contare e tracciare gli alberi presenti sulla Terra un modo innovativo per studiare quanto e come aiutano l’atmosfera del pianeta.

La NASA userà i propri mezzi tecnici per “contare” gli alberi presenti sul pianeta. Questo consentirà di avere un’idea di quanto carbonio la Terra può immagazzinare e di come cambia nel tempo,senza che gli scienziati debbano contare un numero sbalorditivo di alberi e monitorare la loro crescita nel tempo.

Clima, NASA e ESA useranno i satelliti per studiare insieme lo scoglimento dei ghiacci antartici

Scienziati del Goddard Space Flight Center della NASA nel Maryland hanno recentemente collaborato con un team internazionale di ricercatori per mappare gli alberi utilizzando immagini satellitari ad alta risoluzione: più di 1,8 miliardi di alberi che si trovano al di fuori delle foreste, su un’area di oltre mezzo milione di miglia quadrate.


Il team ha utilizzato uno dei supercomputer più veloci al mondo (Blue Waters presso l’Università dell’Illinois) per eseguire un’analisi di “apprendimento approfondito” sulle immagini del terreno provenienti da ampie sezioni dell’Africa occidentale. Hanno scoperto che non solo potevano contare gli alberi che i satelliti non erano riusciti a vedere prima, ma potevano anche iniziare a valutare il potenziale di stoccaggio del carbonio di quegli alberi allo stesso tempo.

Gran parte dello sforzo mondiale per valutare un gran numero di alberi si è concentrato su regioni molto boscose. Questo è il motivo per cui il team della NASA ha cercato di concentrarsi sugli alberi isolati nelle terre aride e nelle regioni semi-aride dell’Africa occidentale, per un quadro più completo.

Clima, strumenti italiani nelle missioni Nasa per studiare i cambiamenti climatici

Il team è stato in grado di mappare il diametro della chioma (la larghezza di un albero visto dall’alto) di 1,8 miliardi di alberi che si estendono su un’area di oltre 500.000 miglia quadrate. Hanno anche confrontato la variabilità della copertura e della densità degli alberi in base a diversi modelli di precipitazioni: informazioni che il team prevede di confrontare con l’altezza imminente degli alberi e i dati sulla biomassa per identificare il potenziale di stoccaggio del carbonio.

In futuro, valutazioni di questo tipo consentiranno di seguire più efficacemente la deforestazione in tutto il mondo, uno strumento essenziale per difendere le foreste. I dati generali di un anno verranno anche confrontati con gli anni successivi per consentire agli scienziati di valutare se gli sforzi di conservazione stanno funzionando o meno.

 

Articolo precedentePlastica, c’è una scuola in India dove le lezioni vengono pagate consegnando rifiuti
Articolo successivoDa Conferenza Stato-Regioni via libera a decreti per filiera Agroalimentare in crisi