Breaking News

ALBERI PER IL FUTURO, IL 18 NOVEMBRE IL TERZO APPUNTAMENTO DI FORESTAZIONE URBANA

Condividi

Alberi per il futuro. Chi pianta un albero mette radici nel domani.

Con queste parole, il MoVimento 5 Stelle lancia sul suo blog #Alberiperilfuturo, un’iniziativa di “partecipazione ambientale trasversale e senza alcun simbolo politico”.

Domenica 18 novembre 2018, in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi che si celebra il 21 dello stesso mese, saranno messi a dimora migliaia di nuove piante e arbusti.

Dal 2015 ad oggi, tantissimi volontari organizzati dal Movimento 5 Stelle, hanno piantato oltre 27.000 alberi in 72 città italiane.

Una iniziativa – si legge nel Blog delle Stelle – che era nel cuore di Gianroberto Casaleggio. Una azione di partecipazione ambientale che è trasversale e si svolge senza alcun simbolo politico. Perché gli alberi, come l’aria, sono un bene comune di tutti. La forestazione urbana è una delle misure di mitigazione necessarie per combattere l’inquinamento ed i cambiamenti climatici.

Ogni albero produce l’ossigeno necessario alla vita di quasi tre esseri umani.

Tante le città che hanno già mandato le loro adesioni: Roma, Torino, Milano, Reggio Emilia, Varese, Matera, Carbonia, Lecce, Lonato del Garda (Vr), Crotone, Galatina (Lecce), Noicattaro (Ba), Volla (Na).

Come partecipare?

L’iniziativa, è aperta a tutte le amministrazioni comunali, tutti i gruppi nei consigli comunali, associazioni e gruppi di cittadini.
Chi desidera aderire e ricevere le informazioni per organizzare #AlberiPerIlFuturo 2018 nel proprio Comune può compilare il form su www.alberiperilfuturo.it.

Diverse Regioni e vivai regionali/forestali forniscono gratuitamente alberi ai Comuni che ne fanno richiesta entro la fine di settembre.

(Visited 837 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago