Riciclo e RiusoRifiuti

L’île flottante, un albergo galleggiante costruito con 800 mila bottiglie di plastica

Condividi

Un albergo speciale dal nome evocativo. Situato al centro della Laguna ad Abidjan, nel lago Ébrié, in Costa D’avorio, ‘L’île flottante’ vuole denunciare l’inquinamento delle acque.

Questo particolare albergo, che vuole diventare il simbolo di un turismo più attento, è stato realizzato con elementi plastici recuperati.

Per costruirlo, sono servite ben ottocentomila bottiglie di plastica.

L’idea dell’ île flottante è nata dall’estro del francese Eric Becker, imprenditore particolarmente sensibile alle tematiche ambientaliste e lungimirante nel tesaurizzare materiali di scarto.

Sempre più strade sono realizzate con plastica riciclata

Ci stiamo quasi abituando a vedere rifiuti dispersi lungo le coste e nei mari ed è nell’avanzata dei rifiuti sui litorali che Becker ha visto un’occasione di guadagno e ha valutato il riutilizzo degli stessi.

L’elettricità è prodotta grazie ai pannelli solari posizionati nella struttura e il ristorante serve solo piatti della cucina locale.

Dopo il boom della sneakers, Lidl lancia le scarpe sportive in plastica riciclata

L’hotel, al momento, può ospitare un centinaio di clienti ogni settimana. Generalmente turisti ma anche molti abitanti del posto incuriositi. Il costo?

Soggiornare in questo albergo costa circa 15mila franchi CFA al giorno (22 euro circa) a persona – pasto e traghetto compresi – mente per trascorrere la notte occorrono 60mila franchi CFA (90 euro circa).

(Visited 139 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago