InquinamentoScienza e Tecnologia

Airo, l’auto elettrica che aspira l’inquinamento prodotto dagli altri veicoli

Condividi

Un’auto elettrica decisamente fantascientifica: si chiama Airo e non solo non inquina, ma aspira anche le emissioni inquinanti prodotte dai veicoli tradizionali.

Progettata dall’azienda britannica Heatherwick Studio per conto della casa automobilistica cinese IM Motors, Airo è un’auto elettrica dal design fortemente innovativo e dal concept ancora più avveniristico. Non solo non inquina, ma è dotata anche di un particolare filtro, Hepa, che aspira l’aria contaminata dallo smog, la purifica e la rimette in circolo.

Bimba di 9 anni morta a causa dell’inquinamento: il medico legale richiede modifica legge sulla qualità dell’aria

A completare il progetto c’è anche una particolare colonnina di ricarica ideata sempre da Heatherwick Studio. Il design morbido e sinuoso di Airo si abbina perfettamente alla colonnina, che ricorda una pianta acquatica ed è dotato di cavo di ricarica retrattile. Restano però tanti dubbi sulla realizzazione pratica del concept di Airo. La prima è la data di uscita, indicata nel 2023 e considerata troppo ottimistica. La seconda è la mancanza di informazioni sul reale consumo energetico (il risparmio di elettroni è un dato essenziale sull’efficacia e la sostenibilità di auto elettriche).

Micro-Val, batteri mangiaplastica per riciclare i rifiuti organici: il progetto tutto italiano

Oltre alle novità in tema di impatto ambientale, Airo presenta aspetti futuristici anche al suo interno. Se il design esterno appare innovativo, gli interni presentano ampi spazi e optional come postazione tv, sedili ribaltabili, un tavolinetto a scomparsa e finestrini e parabrezza che possono essere oscurati a piacimento.

 

(Visited 66 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago