TG AmbienteVideo

Agricoltura, cresce l’impegno per la sostenibilità delle imprese agricole italiane

Condividi

Agricoltura. In questo edizione del Tg Ambiente realizzato in collaborazione con Italpress: 1) Agricoltura, cresce l’impegno per la sostenibilità ; 2)#subitoambienteincostituzione, lanciata petizione su Change.org ; 3) Assobenefit e Assobio insieme per la sostenibilità integrale; 4) Il fumo prodotto dagli incendi è più dannoso dello smog

In questo edizione del Tg Ambiente realizzato in collaborazione con Italpress:

1) Agricoltura, cresce l’impegno per la sostenibilità: Il 98% delle imprese agricole italiane dichiara di aver attuato almeno un progetto volto a un più efficiente uso delle risorse, riduzione dei consumi di materie prime e di acqua, efficientamento energetico. Il 50% delle imprese si è adoperata per ridurre emissioni e inquinamento, e il 56% lavora per mitigare i rischi idrogeologici. E’ quanto emerge dal Rapporto AGRIcoltura100 realizzato da Confagricoltura e Reale Mutua Assicurazioni. Il rapporto racconta l’approccio alla sostenibilità di un settore cruciale per l’economia italiana, con l’intera filiera che vale il 15% del Pil. Pur non essendosi fermate, le aziende dal Covid-19 hanno appreso una serie di lezioni importanti: dare la priorità alla qualità del prodotto per garantire la salute dei consumatori, aumentare l’impegno per la protezione dell’ambiente, occuparsi maggiormente della filiera e fare rete tra imprese.

Petizione #SubitoAmbienteInCostituzione, in poche ore raggiunte 10.000 firme su Change.org

2)#subitoambienteincostituzione, lanciata petizione su Change.org : Basta rinvii! Si proceda a votare l’introduzione della tutela dell’ambiente nella Carta costituzionale prima della Cop26 e del G20. È la richiesta di Alfonso Pecoraro Scanio, presidente Fondazione Univerde, già Ministro dell’Ambiente che ha la lanciato su Change.org la petizione #SubitoAmbienteInCostituzione.

 

3) Assobenefit e Assobio insieme per la sostenibilità integrale: Cooperazione nella ricerca, formazione, iniziative congiunte. Questi alcuni degli impegni assunti con la sigla della partnership fra Assobenefit, l’associazione nazionale per le società benefit e AssoBio, l’associazione nazionale delle imprese di produzione, trasformazione e distribuzione dei prodotti biologici e biodinamici. Il nuovo strumento giuridico della Società Benefit, introdotto dalla Legge di stabilità 2016, consente alle società di capitali di poter perseguire in modo congiunto e integrato finalità di lucro e di beneficio sociale, specificati nello statuto. Entrambe le associazioni condividono l’obiettivo di promuovere un nuovo modello economico di sviluppo improntato a una sostenibilità integrale che mette al centro dei processi produttivi e decisionali il benessere delle persone e dell’ambiente.

Incendi, il fumo prodotto è più dannoso per l’ambiente degli scarichi delle auto

4) Il fumo prodotto dagli incendi è più dannoso dello smog:  Le piccole particelle tossiche prodotte dagli incendi sono 10 volte più dannose per la salute rispetto a qualsiasi altro tipo di inquinamento atmosferico. I risultati dello studio pubblicato dall’Istituto di oceanografia di Scripps e la scuola Herbert Wertheim dell’Università della California di San Diego, mostrano che dopo la peggiore stagione degli incendi mai registrata nello stato, gli incendi estremi, alimentati dai cambiamenti climatici, avranno conseguenze sempre più disastrose per la salute dei residenti negli Stati Uniti occidentali. I ricercatori, hanno esaminato i ricoveri ospedalieri dal 1999 al 2012, scoprendo che i picchi di inquinamento atmosferico durante l’alta stagione degli incendi nel sud della California – quando i forti venti alimentano gli incendi più distruttivi – erano correlati a un aumento del 10% dei ricoveri per problemi respiratori. Ricerche recenti inoltre, hanno dimostrato che il fumo degli incendi può aggravare non solo le malattie respiratorie ma anche le condizioni cardiache, provocando attacchi di cuore e ictus.

(Visited 28 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago