PoliticaTerritorio

Agricoltura, in manovra 600 milioni di euro per il settore. Quali sono le novità

Condividi

Agricoltura. Bonus per l’imprenditoria femminile e per i giovani, azzerata l’irpef agricola, fondo per la competitività e garanzie per le nuove tecnologie.

Sono le principali novità della Legge di Bilancio 2020 e delle linee programmatiche per il settore agricolo e agroalimentare presentate dalla Ministra dell’Agricoltura, Teresa Bellanova.

Agricoltura 4.0, in Italia vale tra i 370 e i 430 milioni

“L’agricoltura – ha dichiarato il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Teresa Bellanova – è tornata nell’agenda economica da protagonista e ha avuto l’attenzione che merita, pur in un contesto di risorse limitate”.

“Credo molto nelle energie che donne e giovani possono mettere al servizio dell’agricoltura italiana – ha aggiunto Bellanova – abbiamo dedicato a loro due misure: il bonus ‘donna in campo’ per erogare mutui a tasso zero per le imprenditrici e per gli under 40 sarà Io Stato a pagare i contributi per chi apre una nuova attività”.

“Sono convinta – ha concluso – che in Parlamento potremo ulteriormente rafforzare gli interventi per il settore con un confronto operativo e costruttivo con tutte le forze politiche”.

In arrivo al Ministero delle Politiche Agricole, una Consulta permanente per la crisi climatica e le priorità agricole, per costruire il piano strategico nazionale.

“La consulta parte da gennaio – ha spiegato Bellanova – nella consulta chiameremo non solo il mondo agricolo e alimentare ma anche i ragazzi e il mondo della ricerca e tutte le università. Porteremo ragazzi, ragazze e donne in questo settore se daremo loro la certezza che e’ un settore dove c’e fatica, ma si può mettere insieme un reddito dignitoso”.

L’agricoltura italiana è la più green d’Europa

Le principali misure agricole

Azzerata Irpef Agricola, 200 milioni di euro di tasse in meno per gli agricoltori:

Confermato l’azzeramento dell’Irpef per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali. La misura vale 200 milioni di euro annui e si aggiunge alla cancellazione stabile dell’Imu sui terreni agricoli e dell’Irap, per un beneficio fiscale complessivo da 1 miliardo di euro.

 

Cimice asiatica, 80 milioni di euro per ristoro dei danni alle imprese:

80 milioni di euro nel triennio per ristoro dei danni provocati dalla cimice asiatica. E questa la dotazione destinata al Fondo di solidarietà per intervenire a supporto delle imprese danneggiate dalla diffusione dell’insetto, in particolare nelle regioni del nord.

 

Giovani, azzeramento contributi previdenziali per chi vuole diventare imprenditore agricolo:

Per i giovani che aprono una impresa agricola sarà lo State a pagare i contributi previdenziali per i primi 24 mesi. 44 milioni di euro di spesa per far nascere nuove giovani imprese e per semplificare la vita alle start up agricole condotte da under 40.

Bonus “Donne in campo”, mutui a tasso zero per l’imprenditoria femminile in agricoltura:

Un fondo rotativo da 15 milioni di euro per garantire mutui a tasso zero per le donne che sono imprenditrici agricole o che Io vogliono diventare. Una misura concreta per favorire gli investimenti al femminile nel settore primario, dove oggi una imprese su tre è condotta da una donna.

 

Fondo per la competitività, 30 milioni di euro per il sostegno alle filiere agricole:

30 milioni di euro complessivi nel biennio 2020-2021 a sostegno dell’agroalimentare Made in Italy, con interventi per il rafforzamento della competitività delle filiere, a partire delle produzioni d’eccellenza e dai mercati più importanti. Per la filiera grano Pasta sono previsti 30 milioni di euro per i contratti di filiera, a cui si aggiungono 1O milioni del 2019.

 

Garanzie per le nuove tecnologie l’agricoltura di precisione e la Blokchain:

30 milioni di euro finalizzati ad azzerare il costo delle garanzie per gli imprenditori agricoli e per facilitare l’accesso al credito per gli investimenti in innovazione tecnologica, agricoltura di precisione e tracciabilità dei prodotti.

 

Pesca assicurata la copertura indennità 2019 per fermo obbligatorio:

È confermata la copertura per garantire l‘indennità del fermo pesca obbligatorio per i lavoratori dipendenti.

Nella legge di bilancio viene assicurata la copertura ai lavoratori della pesca dell‘indennità 2019, recuperando i ritardi precedenti dal momento che la misura non risultava coperta. Sarà dunque assicurato il riconoscimento dell’indennità giornaliera pari a 30 euro per il periodo di sospensione dell’attività lavorativa nel 2019.

 

Collegato Agricoltura:

È previsto un disegno di legge collegato alla manovra dedicato al settore agricolo. Si tratta di uno strumento utile per il mondo agricolo e agroalimentare con il primo obiettivo che è semplificare. Insieme a questo il Collegato sarà utilizzato per dare prospettiva e futuro alle imprese agricole e si dovrà coordinare con il lavoro per il Piano strategico nazionale.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago