TG AmbienteVideo

Fitofarmaci in agricoltura, maxioperazione dei Carabinieri – Tg Ambiente

Condividi

In questa edizione del Tg Ambiente realizzato in collaborazione con Italpress:  1) Fitofarmaci in agricoltura, maxioperazione dei Carabinieri; 2)Ferrero, la sostenibilità parte dall’attenzione alle persone; 3) Acqua, ecobonus blu per imprese e grandi usi; 4) Greenpeace riproduce i paesaggi cileni utilizzando solo rifiuti.

In questa edizione del Tg Ambiente realizzato in collaborazione con Italpress: 

1) Fitofarmaci in agricoltura, maxioperazione dei Carabinieri: E’ durata due anni e mezzo una indagine dei Carabinieri Forestali che ha riguardato il rispetto delle normativa sull’utilizzo e la conservazione di prodotti fitosanitari  in agricoltura. I Carabinieri forestali di Pistoia, coadiuvati anche da altre articolazioni dell’Arma, hanno accertato centinaia di violazioni amministrative e penali a carico di decine di aziende agricole che utilizzavano i prodotti chimici con autorizzazione al commercio revocata, in alcuni casi, anche da anni. Denunciate 56  persone. I fitofarmaci se non utilizzati correttamente finiscono nella catena alimentare e possono creare problemi alla salute umana. Il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale di Pistoia ha effettuato una serie di accertamenti mirati che hanno riguardato sia attività commerciali sia l’impiego diretto nei vivai o in aziende di produzione di ortaggi. Medi e grandi rivenditori di prodotti agricoli avrebbero continuavamo a vendere prodotti fitosanitari ad alcuni coltivatori toscani con autorizzazione del Ministero della Salute “revocata” già da molto tempo, in alcuni casi anche da diversi anni. Gli agricoltori, spesso ignari, spargevano sui terreni e sulle loro colture, anche agroalimentari, prodotti chimici che avrebbero dovuto essere invece destinati allo smaltimento come rifiuti speciali.

Lavoro minorile, Ferrero rinnova la partnership con Save the Children

2)Ferrero, la sostenibilità parte dall’attenzione alle persone: La sostenibilità parte dall’attenzione alle persone. Anche in azienda. Non si può avere cura dell’ambiente se non ci stanno a cuore prima di tutto le persone che lavorano con noi, il loro benessere e il loro modo di vivere in azienda. Ne ha parlato Raoul Romoli Venturi – Corporate Communication Director di Ferrero Italia – nel corso della terza tappa di “Sharing Days. Diario di viaggio della sostenibilità”, iniziativa organizzata da Confservizi Lombardia.

“Il valore dell’Acqua”: 3 miliardi di persone non hanno accesso a impianti per l’igiene delle mani per pandemia. Lanciata proposta di Ecobonus Blu

3) Acqua, ecobonus blu per imprese e grandi usi: È necessario un impegno costante contro l’inquinamento ed il degrado di fiumi e laghi, spesso collegati ad attività industriali gestite in modo insostenibile. L’emergenza pluridecennale degli sversamenti nel Sarno o nel Seveso, sono solo due esempi. Per questo il presidente della Fondazione UniVerde, Alfonso Pecoraro Scanio, ha lanciato l’idea di istituire un ‘Ecobonus Blu‘ dedicato all’efficienza idrica.

Plastica, Greenpeace ha riprodotto i paesaggi cileni usando solo rifiuti

4) Greenpeace riproduce i paesaggi cileni utilizzando solo rifiuti: Per attirare l’attenzione sul problema dei rifiuti, Greenpeace e la sua agenzia creativa Cheil (ciail) hanno lanciato una nuova campagna chiamata “The Nature of Plastic”, in cui cinque dei luoghi iconici del Cile sono stati ricreati usando la plastica. Le cinque località includono l’isola di Pasqua, il deserto di Atacama, la montagna di El Plomo, il ghiacciaio El Morado e la foresta di Araucania.Obiettivo della campagna è evidenziare l’entità del problema e incoraggiare le persone a modificare le proprie abitudini di consumo per ridurre drasticamente i rifiuti di plastica. Il lavoro verrà riprodotto su cartelloni pubblicitari, riviste e piattaforme digitali per quattro settimane tra marzo e aprile 2021.

(Visited 15 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago