Inquinamento

Africa, compagnia mineraria sospettata di aver causato l’avvelenamento di migliaia di bambini

Condividi

La compagnia mineraria Anglo American è stata citata in giudizio per aver causato migliaia di casi di avvelenamento da piombo nella città di Kwabe, in Zambia.

Una class action è stata intentata contro la compagnia mineraria Anglo American per la sua presunta incapacità di prevenire l’inquinamento da piombo tossico diffuso nella città di Kwabe, nello Zambia. La città ha ospitato una delle più grandi miniere di piombo del mondo per molti decenni e gli scienziati hanno riportato livelli “allarmanti” di piombo nel sangue delle persone.

“Il disastro della salute pubblica ambientale lasciato da Anglo a portato a oltre 100.000 bambini e donne in età fertile a Kabwe a rischiare di aver subito avvelenamento da piombo a causa dell’inquinamento” secondo i documenti legali depositati.

Zimbabwe, trovate altre carcasse di elefanti: il bilancio è di 22 vittime. Ecco cosa sta succedendo

Gli avvocati sostengono che la controllata sudafricana di Anglo American è responsabile in quanto è stata alla direzione della miniera dal 1925 al 1974, il periodo in cui è stata causata la maggior parte dell’inquinamento. Anglo aveva “il dovere  di proteggere le generazioni esistenti e future di residenti di Kabwe”, secondo i documenti legali.


Il piombo è noto da tempo per essere altamente velenoso e non esiste “alcun livello di esposizione al piombo noto per essere privo di effetti nocivi”, secondo l‘Organizzazione mondiale della sanità. Uno studio scientifico su 1.190 persone a Kabwe pubblicato nel 2019 ha definito i livelli di esposizione “allarmanti”. Ha concluso: “Questo è il primo studio che ha rivelato la reale portata dell’esposizione al piombo in tutta la città di Kabwe, che rappresenta un serio pericolo per la popolazione e dovrebbe ricevere un’attenzione urgente”.

Amazzonia, i leader indigeni premono per far approvare la legge che protegge la foresta

“L’avvelenamento da piombo infantile ha effetti devastanti sullo sviluppo neurologico e provoca segni clinici evidenti, tra cui convulsioni e coma”, hanno detto gli scienziati. Hanno scoperto che i livelli medi di piombo nel sangue erano superiori a quelli classificati dalle autorità statunitensi in tutti i 13 distretti della città tranne uno. Nel distretto più colpito, il livello medio era nove volte superiore alla soglia statunitense.

 


Alcuni bambini piccoli avevano livelli di piombo più di 20 volte superiori alla media nei paesi occidentali, una quantità che può causare secondo l’OMS danni celebrali e perfino la morte.

La class action sostiene che l’Anglo America è responsabile per sostanziali emissioni di piombo nell’ambiente locale a causa di carenze nel funzionamento della miniera e per non aver assicurato la bonifica dei terreni contaminati. La miniera è stata trasferita a una società statale dello Zambia nel 1974 e chiusa nel 1994.

Un altro studio scientifico, pubblicato nel 2018, ha rilevato che Kabwe “appartiene ai distretti più contaminati dell’Africa” e che “lo sviluppo di un programma di assistenza sanitaria… è della massima importanza”. L’azione legale chiede la fornitura di un programma di screening, trattamento, pulizia dell’inquinamento e risarcimento per gli avvelenati.

Animali, 1000 avvoltoi avvelenati in Africa: ora la specie rischia l’estinzione

Gli studi legali hanno archiviato prove specialistiche da tossicologi clinici e specialisti minerari e ambientali. Il caso è finanziato da Augusta Ventures, il più grande fondo di contenzioso del Regno Unito.

“Anglo American riferisce che è stato presentato un caso in Sud Africa in relazione a un presunto avvelenamento da piombo in Zambia”, ha detto un portavoce dell’azienda. “Nessuna richiesta del genere è stata ancora notificata ad Anglo American. Una volta ricevuta la richiesta, la società esaminerà le affermazioni fatte dall’azienda e adotterà tutte le misure necessarie per difendere con forza la propria posizione “

(Visited 63 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago