Addio a Nazifa Noor Ahmad: nel 2018 era stata premiata da Mattarella

Nazifa Noor Ahmad, 20enne afghana da anni residente in Romagna, è morta dopo avere combattuto una grave malattia. Il papà: “Resterà nei ricordi di tutti”.

È morta Nazifa Noor Ahmad, la 20enne originaria dell’Afghanistan ma da anni residente in Emilia-Romagna, dove si curava per una grave forma di linfoma di Hodgkin toracico-cervicale. Nel 2018, la giovane aveva ricevuto l’attestato di “Alfiere della Repubblica” dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, per il suo impegno come volontaria nella Croce Rossa Italiana.

Nazifa Noor Ahmad era arrivata a Bagnacavallo, in provincia di Ravenna, nel 2008. A portarla in Italia era stato un intervento congiunto tra il Contingente Militare Italiano in campo a Herat e la Protezione Civile della Bassa Romagna.

Solo qualche giorno fa, la donna aveva subito un trapianto di polmoni a Padova.

A settembre 2022, Nazifa Noor Ahmad avrebbe dovuto sostenere, invece, l’esame di maturità, rimandato proprio a causa delle sue condizioni di salute.

È un momento molto difficile e noi della famiglia facciamo fatica a parlare ed esprimere ciò che proviamo per questa grave perdita. Nazifa è con noi da 14 anni e io e la mia famiglia l’abbiamo seguita in ogni suo passo, sia per la cura della malattia, sia per l’inserimento nella vita sociale. Si sentiva perfettamente italiana, romagnola e bagnacavallese tanto che a 7 anni ha imparato la nostra lingua in soli quattro mesi. Era legata a tutti e amata da tutti. Gli amici e i compagni di scuola sono increduli di quanto accaduto e negli ultimi mesi l’hanno sempre seguita e sostenuta. Ha dato alla collettività il meglio di sé e resterà nei ricordi di molti“, ha dichiarato al quotidiano “Il Resto del Carlino” Roberto Faccani, papà adottivo di Nazifa.

Articolo precedenteIn Svezia i bidoni della spazzatura ringraziano con frasi hot chi fa la raccolta differenziata
Articolo successivoCanguro investito da un’auto ad Arezzo. Che ci faceva lì?