AnimaliAttualità

Addestratore di animali prende a calci un cane, la denuncia degli animalisti

Condividi

Da preparatore di cani per il cinema e la televisione a vessatore di animali. Sta facendo molto discutere sul web il video di un noto preparatore di cani, Claudio Mangini, che colpisce che un forte calcio sul fianco un cane lupo cecoslovacco che era in procinto di aggredire un altro animale.

Poi, lo rimprovera, urlandogli contro ed intimidendolo. Il video è stato girato in Toscana, a Massa Marittima. Il video è stato diffuso da Enrico Rizzi, attivista per i diritti degli animali. “Questo video è terribile. Tra qualche ora mi reco al Comando Provinciale dei Carabinieri per denunciare questo inqualificabile soggetto. Si tratta di Claudio Mangini che si spaccia per educatore cinofilo e che dice di collaborare anche per cinema e televisione“.

“Un evidente caso di maltrattamento, di sofferenza non solo fisica ma anche psichica volutamente inflitta – denunciano le associazioni Enpa, Leidaa, Lav, Lndc e Oipasi tratta di un cane coinvolto in precedenti aggressioni, l’allenatore dovrebbe spiegare perché un cane del genere è stato lasciato libero in un recinto con altre persone”.

Il video ha portato le associazioni a presentare un esposto-denuncia alle autorità competenti che dovranno valutare il comportamento del trainer e il suo ‘metodo’, riportato anche in un libro.

Cani alla catena, l’appello di Save the Dogs: “Non basta il divieto, servono sanzioni più severe”

L’esposto  — precisano le associazioni — sarà corredato dalla perizia di un istruttore cinofilo specializzato in razze ibridate dal lupo e nordiche con master in recupero comportamentale.

“La crudezza delle immagini e la violenza impiegata contro l’animale – spiegano – sono tali da rendere necessario un controllo di legalità”.

Nuova Zelanda, droni per tutelare e salvare i delfini a rischio estinzione

Dopo il diffondersi delle polemiche, Mangini ha pubblicato un video sulla sua pagina facebook un video in cui spiega che il filmato contestato risale a 4 anni fa e che i proprietari sono amici suoi e che sarebbero stati i primi a denunciarlo se ci fosse stato del maltrattamento gratuito.

Mangini spiega poi che il suo intervento era finalizzato ad evitare uno scontro con gli altri quattro cani presenti, da cui il lupo non sarebbe uscito vivo perché gli altri si sarebbero coalizzati contro di lui.

Per quanto forte, la mia azione — afferma nel video — gli ha salvato la vita”.

(Visited 102 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago