Acque balneabili, in Europa valori eccellenti. Grecia, Croazia, Cipro e Austria le migliori

Le acque europee sono sicure. A dirlo è l’Agenzia europea dell’Ambiente che ha analizzato i dati delle acque balneabili costiere, dei fiumi, dei laghi e delle fonti d’acqua raccolti nel 2023.

La maggior parte delle acque raggiunge gli standard di eccellenza fissati dall’Ue, con Grecia, Croazia, Cipro e Austria a guidare la classifica.

Il 96% delle acque è entro gli standard minimi mentre solo l’1,5% ha un valore scarso. Fare il bagno in questi specchi d’acqua comporta ancora un rischio per la salute, sottolinea il report.

Lo studio si è concentrato sulla sicurezza delle acque analizzando l’eventuale presenza di batteri capaci di diffondere malattie nell’uomo come l’Escherichia coli e gli enterococchi intestinali.

In generale la qualità delle acque costiere è superiore a quella delle acque dell’interno. Importante è l’incremento delle acque balneabili con valori eccellenti dal 2016 ad oggi.

Secondo Leena Ylä-Mononen, direttrice dell’Agenzia, “È incoraggiante che i cittadini europei possano cogliere i frutti di 40 anni di investimenti nel miglioramento della qualità delle acque balneabili.” Fondamentale che i controlli proseguano per garantire la salute e il benessere degli europei e dell’ambiente in un quadro dominato dagli effetti della crisi climatica che rischia di avere un impatto negativo proprio sulla qualità delle acque.