Salute

Acqua Evian, trovate tracce di pesticidi nella famosa minerale francese

Condividi

Trovati pesticidi nell’acqua Evian. Gli esperti: “Il fatto che anche le sorgenti di Evian nelle Alpi francesi, poco influenzate dall’uomo, contengano residui di pesticidi è allarmante”.

Arriva dalla Svizzera la notizia della presenza di un lotto di acqua Evian contaminata da pesticidi: un campione della stessa acqua è risultato soggetto alla presenza di tracce di clorotalonil. Lo scribe il giornale svizzero tedesco SonntagsZeitung.

Pesticidi nel Pesto, le pagelle dei marchi italiani

Il clorotalonil è una sostanza attiva utilizzata da ormai 50 anni. Ha come scopo quello di eliminare fungi e tossine. L’impiego di tale sostanza, molto diffusa nella produzione cerealicola, nell’orticoltura, nella viticoltura e nella produzione di piante ornamentali, è risultata molto al di sotto dei limiti di legge e quindi non è nociva per la salute.

Ma si tratta di una scoperta che lascia sorpresi, come spiega Roman Wiget, un esperto intervistato dal giornale svizzero: “Il fatto che anche le sorgenti di Evian nelle Alpi francesi, poco influenzate dall’uomo, contengano residui di pesticidi è allarmante poiché mostra che queste sostanze sono manipolate in modo troppo negligente”.

Dagli antibiotici ai pesticidi, il 60% dei fiumi e dei laghi è chimicamente inquinato

 
Foto di Jonathan Petersson da Pixabay

(Visited 65 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago