AttualitàClimaEventiRoma

Acqua e Cambiamenti Climatici, presentazione Rapporto mondiale delle Nazioni Unite sullo sviluppo delle risorse idriche 2020

Condividi

“Acqua e Cambiamenti Climatici”: web conference di presentazione del Rapporto mondiale delle Nazioni Unite sullo sviluppo delle risorse idriche 2020. Diretta streaming: giovedì 17 giugno, 10:30.

 Si svolge in diretta streaminggiovedì 17 giugno 2021, alle ore 10:30, la web conference “Acqua e Cambiamenti Climatici. Istituzioni, imprese e società civile per la tutela delle risorse idriche e il diritto all’acqua” nel corso della quale sarà presentata la traduzione ufficiale in italiano del Rapporto mondiale delle Nazioni Unite sullo sviluppo delle risorse idriche 2020, curata dalla Fondazione UniVerde e dall’Istituto Italiano per gli Studi delle Politiche Ambientali, con il supporto di UNESCO WWAP – World Water Assessment Programme.

Roma, approvato il Piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima

L’evento, con collegamento dal Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro – CNEL, è organizzato in occasione della Giornata Mondiale della lotta alla desertificazione con la Main partnership di KicksterMenowatt GeConsorzio Servizi Integrati e con la partnership di ANBI – Associazione Nazionale Consorzi Gestione e Tutela del Territorio e Acque Irrigue. Media partners: Radio RadicaleAskanewsItalpressTeleAmbienteOpera2030 e SOS Terra Onlus.

Pecoraro Scanio: “L’accesso all’acqua è un diritto di tutti. Senza acqua e igiene è più difficile sconfiggere la pandemia. Occorre superare, nei Paesi più industrializzati, tutti i divieti di allaccio all’acqua alle persone più povere e dimenticate, che vivono negli insediamenti informali, e investire le risorse della cooperazione internazionale per garantire acqua agli slum e alle favelas, in quelli meno sviluppati”.

PROGRAMMA.

Saluto introduttivo: Tiziano Treu (Presidente Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro – CNEL)

Interventi: Alfonso Pecoraro Scanio (Presidente Fondazione UniVerde); Michela Miletto (Direttore UNESCO WWAP – World Water Assessment Programme); Roberto Morabito (Direttore Dipartimento Sostenibilità dei sistemi produttivi e territoriali, ENEA); Adriano Maroni (Presidente Menowatt Ge); Pietro Valaguzza (Amministratore Delegato Kickster); Carmine Esposito (Presidente Consorzio Servizi Integrati – C.S.I); Anna Luise (ISPRA, Corrispondente tecnico scientifico UNCCD); Massimo Gargano (Direttore Generale ANBI – Associazione Nazionale Consorzi Gestione e Tutela del Territorio e Acqua Irrigue); Maurizio Montalto (Presidente IISPA – Istituto Italiano per gli Studi delle Politiche Ambientali).

Conclusioni: Alessandra Todde (Viceministro, Ministero dello sviluppo economico).

Modera: Alessio Falconio (Direttore Responsabile Radio Radicale).

Il Rapporto mondiale delle Nazioni Unite sullo sviluppo delle risorse idriche 2020 si concentra sulle sfide, le opportunità e le potenziali risposte ai cambiamenti climatici, in termini di adattamento, mitigazione e migliore resilienza, che possono essere affrontate migliorando la gestione delle risorse idriche. Combinare l’adattamento e la mitigazione dei cambiamenti climatici, attraverso una gestione efficiente della risorsa idrica, è una proposta vantaggiosa per tutti, migliorando la fornitura di acqua e dei servizi igienico-sanitari, e combattendo sia le cause che gli impatti dei cambiamenti climatici, compresa la riduzione del rischio di catastrofi.

Clima, cosa ci fa una DeLorean a Piazza Montecitorio? La campagna “Giudizio Universale”

La web conference sarà trasmessa:

  • in diretta streaming sulle Pagine Facebook di:

– Fondazione UniVerde (https://www.facebook.com/FondazioneUniVerde);

– TeleAmbiente (https://www.facebook.com/teleambiente);

– SOS Terra Onlus (https://www.facebook.com/SOSTerraOnlus)

  • e sul digitale terrestre, sul Canale  78 (Centro Italia).
(Visited 84 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago