Breaking News

L’ACQUA, PRIMA VITTIMA DEL DISORDINE CLIMATICO

Condividi

L’acqua è la prima vittima del disordine climatico in atto.

I dati diffusi dall’OMS confermano che il 90% dei disastri naturali è legato all’acqua ed entro il 2030 le persone colpite dal fenomeno delle inondazioni sarà tre volte superiore all’attuale.

Gli eventi metereologici estremi, come siccità, inondazioni o distruzioni di ecosistemi, si stanno facendo sempre più frequenti e violenti.

Gli scienziati sono concordi nell’affermare che i cambiamenti climatici stanno avendo un forte impatto sulla disponibilità di acqua dolce.

Per ogni incremento di 1° C della temperatura terrestre, un ulteriore 7% della popolazione mondiale vedrebbe ridursi del 20% la propria disponibilità di risorse idriche.

È per questo che le conseguenze dei cambiamenti climatici “hanno bisogno della mobilitazione mondiale”.

Appuntamento importante, sarà il Summit Internazionale “Acqua e Clima. I grandi Fiumi del Mondo a confronto”, che si terrà per la prima volta a Roma nella Sala della Protomoteca del Capidoglio dal 23 al 25 ottobre 2017.

Organizzato dal Ministero dell’Ambiente in collaborazione con l’UNECE, il RIOB /IMBO, l’UNESCO e l’Alleanza delle Grandi città e Imprese, il summit vedrà 47 delegazioni di corsi d’acqua e grandi laghi, università, centri di ricerca, istituti bancari e ONG riunirsi intorno ad un tavolo con l’obiettivo di favorire l’interscambio di esperienze informazioni e know how sulla gestione sostenibile dell’acqua.

(Visited 53 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago