Riciclo e RifiutiTerritorio

ACQUA, ENERGIA, RIFIUTI E MOBILITA’. ITALIA ED EGITTO A CONFRONTO

Condividi

Acqua. Italia ed Egitto a confronto sulle tecnologie green.

I due Paesi, vicini sullo sviluppo sostenibile e le green technologies, si confronteranno per due giorni su acqua, energia, rifiuti e mobilità al “Business Forum on water, energy, waste and mobility“.

Evento organizzato per domenica 2 e lunedì 3 dicembre dall’Ambasciata d’Italia a Il Cairo in collaborazione con Ecomondo di Italian Exhibition Group, Camera di Commercio Italiana per l’Egitto e ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane. Una due giorni che farà leva su Ecomondo, l’annuale manifestazione della’economia verde e circolare, che si svolge in contemporanea con Key Energy, la piattaforma delle energie rinnovabili (prossima edizione al quartiere fieristico riminese dal 5 all’8 novembre 2019) di Italian Exhibition Group.
Al Forum, parteciperanno Giampaolo Cantini, Ambasciatore d’Italia in Egitto, Alessandra Astolfi di Ecomondo, Mohamed Salah, Ceo Egyptian Environmental Affairs Agency, Sergio Garribba, Consigliere per l’Energia presso il Ministero degli Affari Esteri ed H.E.Amr Nasser, Ministro dell’Industria in Egitto.

Accanto a loro, sul palco si alterneranno gli interventi di esperti del settore tra cui quello del professor Fabio Fava del Dipartimento di Ingegneria civile, chimica, ambientale e dei materiali dell’Università di Bologna, presidente del comitato tecnico scientifico di Ecomondo.

All’evento – che si terrà al Four Seasons della capitale egiziana – sarà inoltre presente una delegazione di aziende italiane qualificate nel settore.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago