Attualità

GOVERNO IMPUGNA LA LEGGE DI TRENTO E BOLZANO SU ABBATTIMENTO LUPI E ORSI

Condividi

Abbattimento lupi.  Il Governo, durante il Consiglio dei ministri odierno, ha impugnato la legge delle province di Trento e Bolzano che prevede la cattura e l’uccisione di lupi e orsi ritenuti pericolosi, bypassando il parere del Ministero dell’Ambiente.
“E’ un atto necessario e dovuto – ha precisato in una nota il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa – l’esercizio delle potestà di deroga ai divieti sulla fauna selvatica sono in capo allo Stato e non possono essere demandate agli enti locali. Abbiamo chiesto alle province di modificare la legge, ma non è stato fatto, quindi non abbiamo avuto scelta. Ricordiamo che il piano del Lupo in discussione attualmente comprende ben 22 azioni di gestione della specie e la convivenza con l’Uomo e le sue attività. Ma noi siamo andati anche oltre il piano Lupo e già ieri è partito un tavolo tecnico per ampliare e implementare il Piano e a questo tavolo tecnico partecipano anche referenti indicati dalle province di Trento e Bolzano ”.
“Se leggi di Trento e Bolzano venissero modificate e si avviasse una piena collaborazione, come ritengo stia avvenendo al Piano Lupo, che intendo presto portare in Conferenza Stato Regioni – ha spiegato ancora Costa – sono certo che in maniera integrata e condivisa si potranno attivare tutti quegli strumenti di prevenzione fondamentali per favorire la presenza dei grandi carvinori in natura, senza pesare sulle attività zootecniche tipiche di quei territori”.
Il Piano Lupo del Ministero dell’Ambiente si pone l’obiettivo di delineare in modo chiaro e preciso le strategie, le misure e le azioni necessarie per dare una risposta concreta alla richiesta dei territori di governare la coesistenza tra uomo e specie animali tutelando l’economia e la biodiversità.

(Visited 87 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago