Rifiuti

Rifiuti, abbandona frigo davanti alla discarica: il sindaco lo riporta al proprietario con un messaggio

Condividi

“Ti è scivolato…Ora, ti manderò la multa”. Il messaggio del sindaco di Gerre De’ Caprioli lasciato con un pennarello sul frigorifero abbandonato da un cittadino davanti alla discarica chiusa.

Dopo aver abbandonato un frigorifero rotto di fronte al centro di raccolta rifiuti del Comune di Gerre De’ Caprioli (Cremona), grazie alla segnalazione di alcuni cittadini e delle telecamere, che hanno ripreso la targa dell’auto, lo “zozzone” di turno è stato rintracciato. Il frigo è ritornato al proprietario e a riportarglielo è stato il sindaco del paese, Michel Marchi, con una dedica sul frigo: “Ti è scivolato…Ora, ti manderò la multa“.

Sarno, gestione illecita di rifiuti. Forestali denunciano titolare industria conserviera

Nella mattinata di venerdì 28 agosto – afferma Marchi nel video – alcuni residenti mi hanno segnalato lo scarico abusivo di un frigorifero di grandi dimensioni davanti al centro di raccolta comunale, in quel momento chiuso. Sul posto sono presenti anche due telecamere di videosorveglianza.
Abbiamo rintracciato grazie alla targa il proprietario del mezzo che ha commesso l’illecito ma, prima di elevare la sanzione, ho pensato che la situazione non poteva essere tollerata oltremodo, visto che non è la prima volta che succede. Così, nella mattina di sabato 29 con l’amico Italo Fornasari abbiamo caricato il frigorifero, dopo avergli scritto sopra una dedica, e lo abbiamo riconsegnato al legittimo proprietario scaricandoglielo sotto casa.
Il comune di residenza non è Gerre e abbiamo pertanto avvisato il comando di Polizia Locale di riferimento.
Ritengo che, al netto dell’illecito, certi atti non possano essere più tollerati, per rispetto delle persone e dell’ambiente che ci circonda. Le Leggi ci sono ma forse, in alcuni casi, potrebbero non servire se il buon senso e l’educazione la facessero da padrone”.
(Visited 507 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago